Albenga-Alassio: la sovrintendenza archeologica della Liguria in visita alla Iulia Augusta

Il soprintendente archeologo della Liguria Vincenzo Tiné e il 2 - rotary-iulia2funzionario competente Marta Conventi sono state le “guide” di eccezione di una particolare passeggiata sulla via Iulia Augusta organizzata dai Rotary Club di Albenga e Savona.
Accompagnati dai sindaci di Alassio e Albenga, gli archeologi hanno illustrato i monumenti funerari che sorgono lungo l’antico percorso dell’età augustea, raccontando le evoluzioni di un sito archeologico tra i più importanti della regione. Una storia lunga più di un millennio, che inizia con il tracciato della strada nel I secolo da parte dell’imperatore Ottaviano e si sviluppa per tutto il medioevo, con trasformazioni delle tombe che arrivano fino all’età moderna.

Dalle particolari forme delle tombe a colombario all’analisi dei motivi dell’intonaco decorato che ornava i monumenti funebri, il racconto degli archeologi ha reso vivo un patrimonio unico ma a lungo consegnato all’incuria e al degrado. Non a caso la visita del soprintendente Tiné è stata l’occasione per spiegare gli interventi di ripulitura degli antichi muri romani, imbrattati da vandali con scritte spray e recentemente restaurati grazie al contributo del Rotary Club di Albenga.

Il sito archeologico è oggi fruibile da turisti e residenti in maniera più semplice grazie ai nuovi pannelli installati lungo il percorso e grazie a una brochure curata dalla Soprintendenza e disponibile gratuitamente presso gli uffici turistici di Albenga e Alassio.
La serata si è conclusa con una conferenza della dott.ssa Conventi sui riti funerari romani.

Sabato 19 settembre (ore 14-18) e domenica 20 settembre (ore 10-14) è in programma una visita speciale e gratuita all’Anfiteatro romano di Albenga nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio. L’anfiteatro, collocato sulla passeggiata della via Iulia Augusta, non è solitamente visitabile ed è l’unico finora noto nella Liguria di Ponente.