A Peagna parole e musica per raccontare la storia dei cantautori liguri

Ceriale. Si chiuderanno questa sera alle ore 21 presso l’auditorium di Peagna le serate che accompagnano la Rassegna dei Libri di Liguria da ormai 34 anni e che hanno visto tanti premi e riconoscimenti di critica e di pubblico e che per questa edizione hanno mosso anche il TG Regione.

Spiega Roascio, presidente degli Amici di Peagna: “Chiudiamo oggi i nostri appuntamenti serali con un grande incontro dedicato alla scuola cantautorale ligure: vuole essere un omaggio ad una delle caratteristiche più peculiari della nostra terra, in questo caso davvero fatta di santi, marinai e cantautori, che hanno saputo portare il nome della Liguria, il suo dialetto e le sue particolari sonorità mediterranee in tutto il mondo. Saranno presenti sul palco veri esperti del settore: musicologi, linguisti, docenti universitari, e giornalisti che si sono occupati di questo fenomeno importantissimo e lo hanno analizzato sotto molti punti di vista. Potremo sentire una preziosa intervista a Bruno Lauzi, approfondiremo aspetti poco noti di Fabrizio De Andrè, come la sua attività di traduttore e divulgatore di musica di noti o meno noti cantautori stranieri, come Brassens, Dylan, Leonard Coen, solo per citare i casi più significativi. Avremo anche la possibilità di ascoltare vari brani di De Andrè dal vivo, eseguiti da un cantautore genovese cresciuto alla scuola del noto chitarrista Centanaro, di cui fu allievo addirittura De Andrè. Insomma una chiusura degna della migliore tradizione di Peagna, dove da alcuni anni è di casa non solo la cultura dei libri, ma anche quella legata alla musica e alle tradizioni popolari”.

Finiti gli incontri culturali serali, proseguirà fino a domenica la Rassegna dei Libri di Liguria in Casa Girardenghi, con apertura dalle ore 17 alle 22 nei giorni feriali e dalle 9 alle 11 e al pomeriggio dalle 16 alle 23, 30 nei festivi.