Liguria: entro lunedì Renzi sceglierà il commissario del Pd ligure

(DIRE) – Entro lunedì i vertici nazionali del Partito democratico Matteo Renzi 01decideranno chi sarà il commissario del Pd ligure. Viste le divisioni ancora molto forti all’interno del partito a livello locale e con le dimissioni del segretario regionale Giovanni Lunardon sul tavolo sin dal primo giugno scorso, il vicesegretario Lorenzo Guerini, sentito Matteo Renzi, ha deciso che quella del commissariamento resta l’unica strada possibile per provare a guarire le ferite del Pd ligure.

D’altra parte a chiedere con forza questa soluzione era stata la stessa ala renziana, con l’ex candidata presidente Raffaella Paita in testa, nel corso della direzione regionale di lunedì scorso. Mentre i lunardoniani, davanti a uno sfinito Guerini che per oltre cinque ore ha ascoltato circa una trentina di interventi, chiedevano che il segretario dimissionario restasse al proprio posto, in vista del congresso. Questa volta pero’ hanno vinto i paitiani, anche perché Guerini, per evitare la strada del commissario esterno, aveva preteso che il Pd ligure trovasse una figura condivisa da entrambe le correnti. Mentre proprio la direzione di lunedi’ ha dimostrato quanto sia ancora dilaniato al proprio interno il partito ligure.

Quasi tutti gli interventi fatti alla sala Cap di via Albertazzi a Genova davanti al vicesegretario esprimevano posizioni personali e figlie della fazione di appartenenza. Tanto che il dibattito sembrava fra due partiti diversi, più che tra le correnti di un unico soggetto politico. Inizialmente Guerini aveva annunciato che il futuro del Pd ligure sarebbe stato discusso nel corso della segreteria del partito convocata questa mattina al Nazareno da Renzi. Ma poi oggi non c’è stato il tempo di affrontare la questione (o forse a livello nazionale non e’ stato ancora trovato un accordo sul nome del commissario). L’ultimatum quindi è per lunedì, ma la decisione potrebbe arrivare anche nel fine settimana. (Dic/ Dire)