Con Massimo Schiavon prosegue a Loano la rassegna musicale “Finalmente Venerdì”

Prosegue a Loano, la rassegna musicale “Finalmente Venerdì”, Schiavon Jannacciorganizzata dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano.

Venerdì 10 luglio, sul lungomare in Orto Maccagli, alle ore 21.00, il cantautore Massimo Schiavon presenterà un suo originale omaggio a Enzo Jannacci.

Massimo Schiavon ha avuto il piacere e l’onore di collaborare con il cantautore Enzo Jannacci durante la stesura del suo album “Piccolo Blu”: nel disco si trova un inedito che il professore milanese ha donato a Schiavon e che quest’ultimo  ha interpretato con il suo modo sempre gentile e delicato.

Il brano “I passi di una donna” segna un periodo in cui la creatività del cantautore ligure viene contaminata dal mood della scuola milanese, e da queste influenze sono nati brani che, insieme alle interpretazioni dei pezzi storici di Jannacci, saranno protagonisti di questo atteso tour.
Ad accompagnare l’artista saranno i suoi compagni musicisti – Fabio Tessiore (sax e fisarmonica), Alberto Garassino (pianoforte e tastiere) e Matteo Ferrando (batteria).

In occasione del concerto sarà promosso il progetto “Accoglienza – Prendersi cura è la prima cura necessaria” del Gaslini Onlus di cui Massimo Schiavon è testimonial.

Progetto “Accoglienza – Prendersi cura è la prima cura necessaria”:

Il progetto “Accoglienza – Prendersi cura è la prima cura necessaria”: sin dalla sua fondazione l’Istituto Gaslini ha creduto nei valori dell’accoglienza e della presa in carico dei bambini e delle loro famiglie come presupposto per offrire loro la migliore assistenza: accogliere prima ancora di curare è stata la filosofia che ha ispirato e ancora ispira tutti i professionisti e i dipendenti dell’istituto Gaslini nella consapevolezza che, come ha ribadito S.E. il Cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Fondazione Gerolamo Gaslini, Il prendersi cura moltiplica l’effetto delle cure. Applicare questo principio al Gaslini di oggi è un’operazione complessa, considerando che l’Istituto si estende per oltre 73.000 metri quadrati, consta di 22 edifici, ospita 500 ricoverati e giornalmente riceve un migliaio di pazienti ambulatoriali. Per aiutare al meglio le famiglie e i bambini, dunque, è stato progettato un sistema di accoglienza multidimensionale che venga incontro alle loro differenti esigenze di informazione, accompagnamento, assistenza sociale e sociosanitaria, multiculturale per gli stranieri, religiosa multiconfessionale, di alloggio, ecc. L’Istituto Gaslini intende offrire quindi ad ogni persona, nella sua specificità, un’accoglienza individualizzata che è al contempo fisica, relazionale, linguistica, logistica, spirituale, multiculturale. Questa idea di Ospedale accogliente si inserisce a pieno titolo nell’idea generale di Ospedale Solidale, Accogliente, Aperto. Sicuro ed in rete. Gaslini onlus destina interamente tutte le donazioni che raccoglie all’Istituto Giannina Gaslini e sostiene questo macro obiettivo strategico dell’Ospedale per i prossimi anni.

Massimo Schiavon: Ligure di nascita, ha collaborato con Enzo Jannacci, Armando Corsi ed Edoardo De Angelis. Un’intensa attività live che lo ha visto condividere il palco tra gli altri con Luca Barbarossa, Cristiano De Andrè, Bruno Lauzi, Sergio Endrigo etc. Due i dischi dell’artista: Senza Rotta 2007 e Piccolo Blu 2013.