Asl2 savonese: Corso Propedeutico di Chirurgia della Mano

La 34 esima edizione del Corso Propedeutico di Chirurgia della ospedale San Paolo SV 8genn2015Mano, con l’annesso Corso base di Microchirurgia, organizzata come sempre dalla Fondazione savonese per gli studi sulla mano, in partnership con l’ASL 2 Savonese e con il fondamentale contributo della Fondazione “De Mari”, si terrà dal 17 al 22 maggio anche quest’anno presso l’Aula Magna dell’Ospedale S. Paolo.

Dopo il clamoroso successo in termini di iscrizioni dell’edizione 2014, alla quale hanno partecipato ben 110 discenti- il più alto mai registrato nei 33 anni di vita del corso- quest’anno è stato addirittura necessario anticipare il termine delle iscrizioni. Molte richieste di partecipazione sono state purtroppo rifiutate, suggerendo ai delusi aspiranti corsisti di muoversi per tempo per l’edizione del 2016, dicono dalla Segreteria Organizzativa.

Il motivo di questo successo nel commento del Dott. Mario Igor Rossello, direttore della S.C. Chirurgia della Mano dell’Ospedale S. Paolo :«Di fatto il Corso savonese è in Italia l’unico destinato alla formazione di base di giovani chirurghi e riabilitatori, ed è rimasto il Corso più “antico” al mondo, grazie alla continuità della Scuola savonese di chirurgia della mano.- spiega il Dott. Rossello- Il prestigio della nostra Scuola è in continua espansione, come dimostrano le crescenti domande di collaborazione di sedi Universitarie da ogni parte d’Italia, oltre alla naturale collaborazione con l’Università di Genova ricordo L’Università di Pavia, di Milano, di Padova e le collaborazioni in fieri con l’Università di Messina e di Trieste. Altre occasioni formative, mi riferisco alla fondamentale partecipazione della Scuola savonese al Master in riabilitazione della mano organizzato dall’Università “La Sapienza” di Roma nel 2014, preludono a futuri impegni di collaborazione scientifica.»

Il format del corso, ormai collaudato e vincente, è destinato a medici specializzandi o già specialisti in Ortopedia o Chirurgia plastica e a Fisiatri, Fisioterapisti e Terapisti occupazionali che abbiano interesse nell’apprendere la metodologia di base e le principali tecniche di trattamento delle lesioni traumatiche e delle patologie della mano, miscelando le lezioni frontali, peraltro sempre aperte al confronto e alla discussione, alle esercitazioni pratiche, autentico valore aggiunto del Corso e graditissime dai discenti, tanto da costringere gli organizzatori ad aumentare il tempo ad esse dedicato e la disponibilità di postazioni di lavoro.

Domenica 17 maggio alle ore 17, nella prestigiosa sede del Teatro Chiabrera di Savona, l’inaugurazione del Corso, che terminerà con un concerto organizzato dal M° Albanesi; seguirà un buffet aperitivo organizzato sul piazzale antistante il Teatro.

Le lezioni del Corso, comuni per Chirurghi, Fisioterapisti e Terapisti occupazionali, inizieranno lunedì 19 maggio, a cura dei membri dell’equipe di Chirurgia della mano, ai quali si affiancheranno le lezioni dei Radiologi, Anestesisti, Neurologi, Reumatologi e le lezioni di riabilitazione dei fisiatri e fisioterapisti dalla ASL 2 savonese , dedicando grande spazio alla discussione; caratteristica del Corso è che tutti gli argomenti trattati sono costantemente aggiornati con l’evoluzione della disciplina, ma allo stesso tempo in linea con l’esperienza sul campo ormai cinquantenaria del Centro savonese.

Alle lezioni frontali mattutine seguiranno, nel pomeriggio, esercitazioni pratiche dividendo i percorsi: i Chirurghi si dedicheranno alle tecniche di esecuzione dei bendaggi, alle tecniche di sutura tendinea, all’impiego di particolari presidi chirurgici(placche, fissatori esterni e ancore da reinserzione legamentosa), mentre i Fisioterapisti e Terapisti occupazionali si dedicheranno alla confezione di tutori e all’affinamento delle tecniche di riabilitazione.

Sempre nel pomeriggio i Chirurghi parteciperanno alle esercitazioni pratiche del Corso base di microchirurgia, cimentandosi con i rudimenti di questa tecnica.

Il Corso verrà concluso dalla lezione magistrale del Presidente della Società Italiana di Chirurgia della Mano, Riccardo Luchetti.