Regionali Liguria, Antonio Bruno sottoscrive le proposte di Confartigianato

Antonio Bruno, candidato alle elezioni regionali della Liguria, ha Antonio Bruno firma le propostesottoscritto le proposte di Confartigianato Liguria per lo sviluppo della regione: l’incontro e la firma del documento contenente le priorità 2015-2020 si sono svolti questo pomeriggio nella sede dell’associazione di categoria in via Assarotti.

Con la sottoscrizione del documento, il candidato si è impegnato a raggiungere una serie di obiettivi riguardanti sei temi fondamentali per lo sviluppo del territorio, con 45 mila microimprese liguri e oltre 150 mila addetti, da realizzarsi attraverso azioni concrete, indicate da Confartigianato Liguria. Si tratta di priorità riguardanti Trasparenza e burocrazia (Liberare impresa e cittadini); Fisco, incentivi, credito e pagamenti (Carburante all’impresa); Promozione, sviluppo, cultura e programmazione (Le imprese e i loro territori); Istruzione, formazione e lavoro (Competenza per la professione); Infrastrutture, ambiente, trasporti ed energia (Bivio per la competitività); Benessere sociale (Qualità della vita di imprese e persone).

«È giusto sottoporre gli amministratori regionali a un controllo periodico del proprio lavoro – spiega Antonio Bruno – è anche per questo che considero di grande importanza l’iniziativa di Confartigianato e condivido le proposte avanzate per lo sviluppo della Liguria. La nostra regione per crescere deve puntare soprattutto su innovazione, hi-tech ed l’energia rinnovabile, fondamentali per frenare l’emorragia di giovani all’estero, migliorare il welfare dei cittadini e la nostra attrattività. Sui grandi temi, condivido la necessità di disporre di infrastrutture migliori e più snelle, anche in chiave turistica, e di una sanità più efficiente e che prediliga la prevenzione. D’accordo anche sulle grandi opere, a esclusione di Gronda e Terzo Valico che considero troppo costose e poco efficaci. Necessario invece un miglioramento del trasporto pubblico locale».

Sull’attuazione degli obiettivi e delle conseguenti azioni la Confartigianato Liguria effettuerà un’attività di valutazione sulla base di quanto già realizzato con il rating di mandato 2010-2015 e ne darà atto pubblicamente.