“Donne del sud del Mondo”: convegno al Priamar rilancia la figura della donna come creatrice di impresa

Savona. Si svolgerà sabato 7 marzo, alle ore 9.30 nella Sala Sibilla del Priamar di Savona Priamar fp01 part 01Savona, il convegno “Donne del sud del Mondo” il cui tema principale è la donna come promotrice di uno sviluppo sostenibile, sociale ed economico nel nostro paese e nei paesi d’origine. Per parlare di donne, migrazioni, imprenditoria e commercio equo e solidale sarà presentato il video “Donne del sud del mondo”, a cura della sociologa Deborah Erminio, che racconta il percorso di 8 donne migranti che sono riuscite a creare una attività imprenditoriale nel territorio savonese.

RobertoMichels

Per l’occasione, interverranno Isabella Sorgini, Assessore Promozione Sociale, Pubblica Istruzione e Pari Opportunità del Comune di Savona, Deborah Erminio, sociologa esperta di percorsi migratori , Alessandra Governa, Vicepresidente Consorzio Altromercato, Annamaria Torterolo, Comitato per l’Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Savona, Rosangela Conte di Legacoop Liguria e Grazia Sirombra della Confcooperative.

«Lo scopo di questo convegno – spiega Riccardo Viaggi, presidente di Confcooperative di Savona- Imperia – è sicuramente quello di rilanciare gli aspetti positivi della presenza della donna nel mondo del lavoro, sottolineandone il valore nell’ambito sociale della cooperazione e della realtà imprenditoriale al femminile, creandone quindi una prospettiva di crescita per il futuro».

L’evento si inserirà all’interno della manifestazione “Donne del sud del Mondo, cuore di imprese, integrazione ed economia solidale”, curata da La Bottega della solidarietà di Savona ed allestita nelle Cellette del Complesso Monumentale del Priamar. Una mostra e, soprattutto, un percorso didattico per le scuole iniziato lo scorso 24 febbraio ed in allestimento fino al 12 marzo, che accompagnerà per tre settimane gli studenti alla scoperta di un mondo “al femminile” fatto di storie ed esperienze di integrazione, imprenditorialità e solidarietà.

Sono già 15 le classi iscritte provenienti da Liceo Classico, Psicopedagogico e Artistico per oltre 350 studenti coinvolti, che avranno la possibilità di conoscere queste esperienze di imprenditorialità e di commercio equo solidale raccontate attraverso i volti e le storie delle loro protagoniste.

Sono oltre 10.000 le donne del commercio equosolidale protagoniste di questa mostra, 3 i continenti coinvolti (Africa, Asia e Sudamerica) con in più un focus sull’Italia; un percorso guidato, suddiviso in 5 sezioni, attraverso oltre 40 fotografie, filmati, video interviste e oggetti tradizionali che raccontano le storie delle donne che con le loro esperienze hanno superato la diffidenza e sono diventate un esempio di integrazione.

Ultima revisione articolo: