Toso su contest Fai: “Il Castellaro raggiunge la seconda fase dei Luoghi del Cuore; grande soddisfazione”

Ieri è stata resa pubblica la classifica definitiva inerente al contest “I Luoghi Tosodel Cuore” promosso dal FAI e volto verso la valorizzazione e il recupero dei beni culturali del nostro bel paese.

«Nei primi giorni di settembre – dice Andrea Toso – come Segretario del Partito Democratico di Albisola, con delega alla cultura, ho deciso, collegialmente con l’ufficio di Segreteria e con la nostra capogruppo Maria Vezzolla di puntare, anche noi nel nostro piccolo, a gareggiare in questa importante sfida facendoci promotori del recupero del Colle Castellaro. È stato bello per il sottoscritto vedere che tale scelta è stata poi condivisa anche dagli organi istituzionali competenti ossia dagli assessorati competenti, dai gruppi consiliari, nel loro complesso, ma non solo. Sono stati colonna del progetto anche l’Associazione Zueni d’Arbisoa Giovani Albisolesi, le Società locali e alcuni commercianti. Il risultato è stato più che soddisfacente: il Colle Castellaro ha ottenuto 1466 voti totali arrivando terzo nella classifica provinciale, solo dietro alla Chiesa della Madonna degli Angeli e al Castello di Andora, e dodicesimo su scala regionale».

«Tale risultato ci permetterà di passare alla seconda fase, quella progettuale che ci vede già impegnati come comitato nella scelta delle priorità da ricercare. Quando si parla di buona amministrazione, di buona politica e di larghe intese bisognerebbe prendere ad esempio questo caso di collaborazione attiva per un bene comune e niente più. Credo, inoltre, che in questa esperienza (spero ripetibile) il merito è stato anche di un team trasversale ma sinergico per via dell’anagrafe e della voglia di mettersi in gioco e mi sento di condividere con l’Assessore Ottonello, Serena Cello, Giuseppe Cirillo, Giovanna Rolandi, Alessandro Oderda e, ovviamente con la famiglia Gavotti, proprietaria del Colle, questa prima vittoria».

«Una prima vittoria che personalmente inserisco negli impegni presi con i miei iscritti al momento della mia candidatura a Segreterio del PD locale nel luglio scorso; ovvero la necessita di condividere alcune scelte con altre forze politiche rimanendo ovviamente critici, ma sempre propositivi, su altri temi che non trovano convergenza. A testa alta andiamo avanti.», conclude Toso.