“Ghost Villages: Villaggi dimenticati”; presentazione ad Albenga

Venerdì 6 Febbraio alle ore 17.00 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Depuratore ingauno panoramica costa1 xG00di Albenga, si svolgerà la presentazione del libro “Ghost Villages: Villaggi dimenticati” – dieci itinerari alla scoperta di alcuni fra i più suggestivi villaggi abbandonati del Nord Ovest, in Liguria, Piemonte, Lombardia e Val D’Aosta; un progetto del magazine on line buonviaggioitalia.it curato dalla Dott.ssa Debora Bergaglio.

RobertoMichels

Non si tratterà solo di una semplice presentazione, anticipano gli organizzatori: «Sarà inoltre un’opportunità preziosa per discutere di fondi diretti della Commissione Europea per la cultura, il turismo e le professioni, grazie alla partecipazione del Dott. Enrico Molinari, Vice Presidente di Confassociazioni International».

«Per una chiara comprensione delle opportunità offerte dai programmi finanziati europei, parleremo di strumenti concreti ed immediatamente accessibili, messi a disposizione dalla Commissione europea per la divulgazione della cultura, per la diffusione di un turismo di qualità e per una sua crescita sostenibile», dichiara Enrico Molinari, Vice Presidente Esecutivo di Confassociazioni International, che approfondirà questi temi durante la presentazione del libro. «Ripartire dalla diversificazione dell’offerta turistica – prosegue Molinari – significa accendere un motore di sviluppo finalizzato alla creazione di posti di lavoro, e teso ad agganciare i contributi e le sovvenzioni per progetti e iniziative di valore europeo».

«Oggi i territori che investono sulla cultura, sui giovani e sull’innovazione legata alle nuove tecnologie dell’editoria digitale – come nel caso di “Ghost Villages: Villaggi dimenticati” – hanno una carta vincente per la declinazione di prodotti turistici culturali ed accessibili a tutti, aprendo piattaforme di discussione tra decisori pubblici e settore privato, mondo accademico ed imprenditoria locale». «Il turismo – ha conclude Molinari – coinvolge il patrimonio culturale, le tradizioni e gli stimoli contemporanei e concilia crescita economica e sviluppo sostenibile, senza tralasciare i valori fondanti e l’etica da trasmettere alle nuove generazioni».

“Scoprire e valorizzare il nostro territorio e il nostro patrimonio minore. Un viaggio attraverso bellezze inattese ed opportunità di rilancio”: questi gli obbiettivi dell’incontro, a cui seguirà un aperitivo di saluto.

Ultima revisione articolo: