Michel On Air: in un concerto il disco dedicato a Michel Petrucciani

Mercoledì 4 febbraio al Teatro dell’Archivolto di Genova Alessandro Michel on air 1Collina (piano), Rodolfo Cervetto (batteria), Marc Peillon (basso) e Fabrizio Bosso (tromba) presenteranno in concerto, per la prima volta in Italia, il disco Michel On Air, dedicato a Michel Petrucciani. Distribuito nel Nord America da ITI e nel resto del mondo da Egea, l’album staziona da novembre nei Top 50 della jazz chart statunitense, dove ha recentemente raggiunto la 28esima posizione – un risultato eclatante, considerato che negli USA, la patria del jazz, è molto raro trovare in classifica un gruppo di soli europei, per di più con un disco dedicato a un autore francese.

RobertoMichels

Il progetto è partito dal trio composto dal pianista Alessandro Collina, il batterista Rodolfo Cervetto e il bassista francese Marc Peillon, che dopo anni di intensa collaborazione sulla scena internazionale hanno deciso di rendere omaggio alle musiche del compositore scomparso quindici anni fa. L’idea era quella di esaltare la sensibilità melodica di Petrucciani, troppo spesso relegata in secondo piano rispetto ai virtuosismi tecnici o alle sue vicende biografiche. I tre musicisti hanno identificato nella tromba di Fabrizio Bosso, con il quale hanno suonato spesso negli ultimi anni, la voce ideale per interpretare e valorizzare le straordinaria bellezza delle composizioni di Petrucciani. Il suono caldo, ricco di pathos e mai scontato del trombettista, unito a una tecnica e capacità improvvisativa di rara bellezza, si fondono perfettamente con il piano eclettico di Collina, il basso profondo di Peillon e il drumming raffinato di Cervetto.

Il repertorio abbraccia una grande varietà di umori, dall’impetuoso al languido al meditabondo, con eleganza e gusto; è un jazz dalle molte sfumature che abita diverse epoche e gira il mondo, dal Sud latino di “Brazilian Like” e “Guadaloupe” al Nord America di “Chloe Meets Gershwin” e “Play Me” (con la tromba di Bosso in grande evidenza), per approdare infine sulle coste del Mediterraneo, dove buona parte di questo tesoro di musica è stato concepito e ora viene filtrato.
Completano il disco due tra gli standard più amati da Michel Petrucciani: una versione ampiamente rivisitata di “Take the ‘A’ Train” di Billy Strayhorn a “In a sentimental mood” di Duke Ellington (si racconta che Petrucciani abbia deciso di dedicarsi al jazz proprio dopo avere visto il celebre musicista suonare questo brano in televisione).

Più che positive le critiche delle riviste di settore, particolarmente lusinghiera la recensione sul numero in uscita a febbraio dell’autorevole Downbeat, che gli assegna 4 stelle su 5. Biglietti 10 euro. La serata è a sostegno del Teatro dell’Archivolto.

Ultima revisione articolo: