Albenga, rifiuti agricoli: la CIA propone soluzioni alternative

Il Comune di Albenga chiude l’isola ecologica di Tecnoservice per la Albenga panoramica campi e torri A1 00mancata messa a norma e gli agricoltori accolgono la notizia senza alcuno stupore. A seguito delle ripetute segnalazioni da parte di numerose aziende che non riuscivano a conferire i propri rifiuti, nei mesi scorsi la Confederazione Italiana Agricoltori di Savona ha sottoscritto una convenzione con la BASECO di Villanova d’Albenga.
«Tecnoservice, più di una volta, ha dimostrato di avere problemi di carattere organizzativo producendo numerosi disagi al mondo agricolo locale», dichiara il direttore della Cia di Savona Osvaldo Geddo: «L’associazione è stata costretta a prendere provvedimenti alternativi per consentire alle aziende di svolgere la propria attività senza doversi chiedere se i loro rifiuti sarebbero stati accolti in discarica oppure se avrebbero dovuto riportarli in azienda per poi effettuare un nuovo tentativo. La convenzione con BASECO mette in atto ciò che la norma definisce “Circuito Organizzato di Raccolta”, permettendo il corretto smaltimento dei rifiuti provenienti da attività agricola, evitando nel contempo alle aziende il peso burocratico di compilazione del registro di carico-scarico, iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali per il trasporto, dichiarazione annuale rifiuti (MUD) e SISTRI» conclude il direttore Osvaldo Geddo.
Per conferire i rifiuti provenienti da attività agricola presso l’ecocentro di via Roma 139 (in prossimità dell’uscita dell’Aurelia bis), la Confederazione Italiana Agricoltori invita i propri associati a stipulare un contratto di servizio con l’azienda villanovese.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: