Emodinamica di Santa Corona, Melgrati: andato deserto il bando di mobilità, necessario fare subito un nuovo bando aperto e pubblico.

«Ancora chiuso di notte il reparto di Emodinamica di Santa Corona» Marco Melgrati B1 00dichiara il capogruppo di FI in Regione, Marco Melgrati: «Infatti, il bando di mobilità interna per l’assunzione di un medico Emodinamista è andato deserto. Il risultato è che il reparo di Emodinamica rimane ancora chiuso di notte, dalle 20 alle 8 di mattina. Il Direttore Generale Flavio Neirotti è impegnato nel trovare soluzioni alternative, che vanno dal ricercare nella Regione Liguria un Emodinamista o in alternativa assumere e formare un medico, cosa che comporeta però uno slittamento dei tempi per la riapertura h. 24 del reparto. L’opzione più probabile e veloce è quella di indire un Bando Nazionale per l’assunzione di un medico Emodinamista».
½Chiediamo al Direttore Generale Flavio Neirotti – prosegue Melgrati – di fare presto, per riportare all’operatività giorno e notte un reparto che permette di salvare delle vite. Abbiamo letto delle polemiche per la mancata assistenza negli ospedali della maremma di Pino Daniele, trasportato con un infarto in corso a Roma e poi deceduto. Per una persona famosa, che fa notizia, quanti casi simili dovremo riscontrare prima di avere una soluzione a Santa Corona? Voglio ricordare che questa vicenda, per quello che mi riguarda, ha avuto inizio grazie a Ingrid Petani e al Suo coraggio: con la sua denuncia (ha perso il marito per la disorganizzazione sanitaria della provincia di Savona) ha dato il via a questa battaglia, che pensavamo di avere vinto, ma c’è sempre un intoppo che impedisce la piena operatività del reparto».
«Una rapida soluzione del problema la dobbiamo a Lei, Ingrid Petani, ma anche a tutti quelli che, con la propria sottoscrizione della petizione, raccolta nei banchetti delle piazze delle città del ponente, hanno contribuito alla sensibilizzazione della Giunta Regionale su questo importante provvedimento che contribuirà a salvare la vita di molte persone, impedendo viaggi della speranza all’unico reparto oggi aperto di notte che è quello di Savona. Ho editato un manifesto e inviato una lettera di ringraziamento a tutti quelli che hanno firmato la sottoscrizione. Ringrazio anche quelli che, invece dell’indirizzo, hanno messo, oltre alla firma, i dati del documento di identità, che non sono riuscito quindi a rintracciare e ringraziare. Staremo con il fiato sul collo al Direttore Generale dell’Asl 2 Flavio Neirotti, che comunque mi è sembrato molto attento e “caldo” su questo problema, che una volta risolto con l’assunzione del medico dovrebbe ridare un servizio fondamentale al territorio come il reparto di Emodinamica aperto 24 ore su 24», conclude Melgrati.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: