Telefono Azzurro: le volontarie di Albenga organizzano una giornata di formazione sul Cyberbullismo

Albenga. Venerdì 9 gennaio – dalle ore ore 16 alle ore 19 – a Palazzo Oddo avrà telefono azzurroluogo il secondo incontro “Corso di Formazione” per docenti che nel precedente appuntamento di studio si era occupato del crescente fenomeno del bullismo. Al terzo piano nella sala Don Balletto, la Dott.ssa Paola Bisio terrà il corso di formazione rivolto a insegnanti e docenti sulla tematica del Cyberbullismo.
Elena Pedone referente Scuola e Formazione del gruppo Telefono Azzurro di Albenga dal 2000 (anno in cui è stato fondato il gruppo di Albenga), spiega: “ siamo una ventina di volontarie, ci occupiamo di raccolta fondi, durante le campagne nazionali organizzate da Telefono Azzurro, ma l’iniziativa principale sono i nostri laboratori gratuiti rivolti ai bambini e ai ragazzi , dalla scuola materna alla secondaria di 1° grado. I laboratori sono sostanzialmente due: Diritti e Prevenzione contro il fenomeno del Bullismo”.
“Ogni anno – prosegue – veniamo sommersi da richieste di intervento da parte delle scuole del territorio, da Pietra Ligure ad Albenga e da tutto l’entroterra. Cerchiamo di soddisfare al meglio queste richieste, nonostante siamo in poche volontarie, formate per organizzare questi laboratori. Da diversi anni operiamo sul territorio, ma a volte abbiamo l’impressione che vi sia poca visibilità e che pochi conoscano il nostro impegno ‘silenzioso’. Certo i docenti apprezzano e ci dicono spesso che dopo aver frequentato i Corsi e i nostri laboratori conoscono i loro alunni sotto un aspetto diverso , a volte più vero. Offriamo uno strumento formativo ed educativo che può essere utilizzato ed integrato nella programmazione formativa delle scuole”.
Il fenomeno è conosciuto dall’80,3% dei ragazzi, due su tre (il 29,2%) conoscono qualcuno che ne è stato vittima, mentre un adolescente su dieci a provato in prima persona il cyberbullismo. È quanto rivela un’indagine di Sos Il Telefono Azzurro Onlus e Doxa Kids sui comportamenti dei ragazzi italiani.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: