Meccatronici: nuova figura e nuovi standard formativi

Definiti i nuovi standard formativi per la qualifica di “tecnico meccatronico delle autoriparazioni”. A stabilirlo è una delibera di giunta che inserisce la nuova figura di meccatronico, nel repertorio ligure delle professioni.
L’attività di “meccatronica”, introdotta dalla legge 224 del 2012 che l’ha affiancata a quelle di carrozzeria e gommista, comprende le discipline di meccanico-motorista ed elettrauto. Entro cinque anni dall’entrata in vigore della legge, i gestori tecnici d’impresa non ancora in possesso di almeno uno di questi requisiti dovrebbero frequentare obbligatoriamente un corso professionale per completare le proprie competenze. I corsi, gestiti da organismi accreditati o autorizzati dalle amministrazioni provinciali, saranno quindi differenziati a seconda dei titoli conseguiti e dell’esperienza lavorativa. Le imprese abilitate a una sola tra le attività di meccanica, motoristica e quella di elettrauto, frequenteranno un percorso formativo, della durata minima di 40 ore, relativo alle sole competenze mancanti. «La differenziazione dei corsi di formazione è di fondamentale importanza – precisa Vincenzo Ciliberti, presidente regionale dei meccatronici di Confartigianato Liguria – Perché il lavoro dei professionisti non sarà aggravato e appesantito dall’obbligo di frequentare corsi di cui già si conoscono i contenuti. Una conquista importante per le imprese interessate, che non dovranno perdere tempo prezioso e non vedranno svalutate le proprie competenze, già riconosciute con un titolo di qualifica professionale. Per esempio, coloro già in possesso di un diploma IeFP frequenteranno un minimo di 100 o 50 ore a seconda delle proprie conoscenze e capacità».
Per essere ammessi ai corsi di meccatronica, e ricevere quindi, dopo l’esame, la qualifica di “Responsabile tecnico di attività di meccatronica”, occorre avere compiuto i 18 anni d’età ed essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di primo grado. I percorsi formativi forniranno le competenze necessarie per gestire l’attività di autoriparazione, effettuare la diagnosi tecnica e strumentale delle parti meccaniche, elettriche ed elettroniche del veicolo ed essere in grado di ripararle.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: