Savona – Rifiuti: assemblea pubblica sulle nuove modalità di raccolta della frazione organica

Nel corso dell’anno 2013 gli abitanti di Savona hanno prodotto all’incirca jorg Costantino 0031.200 t di rifiuti urbani. Una quota di questo quantitativo, pari a circa 7.700 t, è stata raccolta in modo differenziato per essere avviata al recupero o al corretto smaltimento, mentre le restanti 23.500 t sono state smaltite in discarica.
«Per tutelare il nostro ambiente e per rispettare le attuali normative, è necessario ridurre al minimo i rifiuti indifferenziati inviati in discarica. Per questo bisogna innanzitutto limitare la produzione di rifiuti seguendo alcune buone pratiche di comportamento (esempio: usare borse riutilizzabili, utilizzare pannolini lavabili, bere l’acqua del rubinetto evitando l’uso di bottiglie di plastica, non utilizzare piatti, bicchieri e posate di plastica usa e getta). In secondo luogo per i rifiuti che non è stato possibile evitare di produrre bisogna procedere ad una corretta raccolta differenziata in modo tale da poter avviare al recupero i materiali riciclabili anziché destinarli allo smaltimento», spiega l’assessore all’Ambiente Jorg Costantino.
A partire dal 2012, il Comune di Savona, in collaborazione con ATA S.p.A., ha avviato un programma di potenziamento del servizio di raccolta differenziata in alcuni quartieri della città. Alla luce dei risultati ottenuti, tale servizio verrà gradualmente integrato con la raccolta della frazione organica, che prenderà il via in alcune aree urbane. Ai fini di illustrare le nuove modalità di raccolta della frazione organica ai cittadini delle vie interessate, l’Assessorato all’Ambiente ed ATA organizzano un’assemblea pubblica per martedì 30 settembre, ore 18, nei locali della S.m.s ”La Rocca” (Via alla Rocca).

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: