Albissola, “Movimentosordo”: da Eleutheros mostra/evento di Fausto Balbo e Carlos Ferrando

Movimentosordo è il titolo, Eleutheros è lo spazio espositivo che ospiterà Movimentosordole opere di Fausto Balbo e Carlos Ferrando, l’inaugurazione, fissata per sabato 13 settembre alle ore 18 celebrerà per la seconda volta il proficuo connubio di questi due giovani artisti.
Carlos Ferrando, classe 1978, artista caleidoscopico nella sua complessa attività artistica. La sua formazione tecnica di Maestro Ceramista – con perfezionamento in grès e porcellana all’Istituto Ballardini di Faenza – gli ha garantito un sapiente uso dei materiali, ma la sua voglia di sperimentare ha reso altri mezzi affini al suo sentire come ad esempio la fotografia: ed è “immagine” la parola chiave, quella più adatta a descrivere il continuo screening al quale l’artista sottopone le sue percezioni. Carlos è in cerca costante di input dati dalle immagini e le immagini avvolgono la ricerca di Carlos.
Fausto Balbo, classe 1970, da anni invece sperimenta interessandosi a strumenti a corda, a tastiera, a percussione, facendo approfondimenti su sintesi, musica concreta, rielaborazione del suono in tempo reale (Live electronics) e Otoacustica. Ha fatto parte di gruppi di vario genere, ha pubblicato cd come solista e collaborato con diversi musicisti. Fausto sintetizza il suono attraverso un uso del tutto innovativo e personale: la sua peculiarità è accordare momenti che lasciano un senso di perenne sospensione dove però tutto è brillantemente fissato.

RobertoMichels

«”Blue blue, electric blue, that’s the color of my room, where i will live ” cantava David Bowie nel ’77 nel brano Sound and Vision. Movimentosordo è suono e visione e visione di suono. Ecco cosa lega questi due artisti: il non consueto, il nuovo, quello che non c’è e che loro caparbiamente trovano, questa volta “insieme”», commenta l’artista albissolese Silvia Celeste Calcagno suggerendo una delle possibili “chiavi di lettura” dell’esposizione che sarà inaugurata sabato. «Il titolo racconta in parte la mostra, un movimentosordo, ma nello stesso tempo assordante. Rende “sordi” l’emozione che scaturisce da quello che un comunicato stampa non potrebbe mai descrivere, di quel non sentire che aliena, che ti trascina in un mondo altro, dove, immagini vibranti vibrano, in perfetta geometrica impeccabile sintonia, con suoni non suoni, con infrasuoni: onde che volando nella stanza, trasudano dalle immagini con un frequenza inferiore alla soglia di udibilità umana. Le immagini di Carlos sono scatti rubati, situazioni violate, parlano di quanto può essere potente la dolcezza, straziante la natura, sensuale un volto. Sovrapposizioni, incastri, confini superati e insuperabili vivono nell’occhio di Carlos che ha creato un nuovo linguaggio per far vivere l’inesistente».
«Se Carlos vede, Fausto ode e compone», prosegue Silvia Celeste Calcagno: «il risultato di questa unione sensoriale è il battito all’unisono dei loro animi, che assume un carattere simbiotico in questa mostra. Non si potrebbe sentire quello che compone Fausto, sarebbe impossibile vedere quello che ci presenta Carlos. Un fluido, questo è ciò che invaderà con dolce prepotenza il fruitore. Null’altro che un fluido, un movimento talmente fluttuante e coordinato da cullare e stordire chi avrà la fortuna di coglierne il senso. Una mostra per chi ha in sé la facoltà di sentire oltre, questa volta il ” biglietto d’ingresso” non è per tutti, in questo caos dove il bombardamento mediatico artistico ci fa perdere il senso e il tempo, Fausto Balbo e Carlos Ferrando ci obbligano a fermarci, o a passare senza poter gioire. Si può scegliere dunque. Certo è che chi deciderà di fermarsi, non dimenticherà la strada percorsa».

La mostra – con la prestigiosa curatela di Agostino Berta, direttore artistico di Eleutheros – sabato sarà introdotta dal Vicesindaco e Assessore alla Cultura e alla Ceramica del Comune di Albissola Marina, Nicoletta Negro.

“MOVIMENTOSORDO” di FAUSTO BALBO e CARLOS FERRANDO, a cura di Agostino Berta. ELEUTHEROS, via Colombo, 23 Albissola Marina (SV). INAUGURAZIONE: sabato 13 settembre ore 18. visitabile dal 13 Settembre all’11 Ottobre; orari: dalle 17 alle 20 – chiuso il lunedì. Per info: 320 2636502

Ultima revisione articolo: