Guardia Costiera: nel ponente savonese numerosi gli interventi per la salvaguardia dei bagnanti

Le statistiche del Comando della Guardia Costiera di Loano-Albenga, Guardia Costiera CP 545competente su tutto il ponente savonese, riferiscono che il numero di interventi, di soccorso o di prevenzione, dei primi nove giorni di settembre mostrano un incremento rispetto ai trend di luglio e agosto.
Numerosi gli interventi effettuati negli ultimi tre giorni a tutela della balneazione: a Loano un turista cinquantenne pescava con il fucile subacqueo, privo di qualsivoglia segnalamento o accortezza di sicurezza, in prossimità dei “tomboli” frequentati dai bagnanti; ad Albenga un gommone navigava a motore all’interno dei 200 metri destinati in via esclusiva alla balneazione; alla Gallinara ad un’imbarcazione di 12 metri a motore è stato contestato il mancato rispetto dell’obbligo di navigare in dislocamento, a velocità inferiore ai 5 nodi, nell’immediato perimetro dell’isola; sempre in tema di velocità ad Alassio, un natante è stato sorpreso a navigare ad oltre 20 nodi in prossimità delle boe che delimitano i 200 metri riservati alla balneazione.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: