Si è chiuso a Zanzibar il tour africano di Elena Buttiero e Ferdinando Molteni

Quattro concerti per presentare la musica italiana nell’ambito delle Molteni, l'ambasciatore Scotto e Buttieroiniziative per il semestre della Presidenza italiana del consiglio dell’Unione europea. Questo il fine degli spettacoli tenuti dai savonesi Elena Buttiero e Ferdinando Molteni nella capitale della Tanzania, Dar es Salaam, e sull’isola di Zanzibar.
La prima esibizione è infatti avvenuta della residenza dell’ambasciatore d’Italia Luigi Scotto [NdR: nella foto in alto, tra i due musicisti] davanti ad un pubblico internazionale e alla presenza dei rappresentanti diplomatici di molti paesi tra cui Turchia, Cuba, Burundi, Svizzera, Nazioni Unite. Il secondo concerto, tenuto in una residenza di Hailé Selassiè Road, è stato invece a favore di una missione di suore italiane a Kawe. Sono seguite due date a Zanzibar: la prima a Kiwengwa e la seconda a Nungwi.
Spiegano Buttiero e Molteni: «Si è trattata di un’esperienza speciale. In un paese davvero straordinario. Molti i momenti indimenticabili. Ma fra tutti non possiamo non ricordare la visita alla missione italiana di Kawe, per la quale abbiamo realizzato un concerto di beneficenza».
Il duo ha proposto un programma di musica italiana intitolato “Greetings from Italy. A journey into the music of the Bel Paese” già sperimentato in due brevi tour negli Stati Uniti.
Aggiungono Buttiero e Molteni: «È stato molto gratificante constatare come la musica italiana “arrivi” nonostante la barriera linguistica. Abbiamo proposto canzoni in italiano, in napoletano, in romanesco, in genovese e persino in friulano. Eppure il pubblico ha mostrato sempre di capire la grandezza della nostra tradizione musicale».

RobertoMichels

Elena Buttiero è una musicista e docente. Suona pianoforte, spinetta, arpa celtica. Ha inciso due album con la formazione Birkin Tree (“Continental Reel”, “A Cheap Present”), due con il mandolinista Carlo Aonzo (“Il mandolino italiano nel Settecento”, “Fantasia poetica”) e uno con il trio Arethusa Consortium. Ha effettuato tournée di concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti, dove suona regolarmente, e in Canada. Ha di recente preso parte, come pianista, allo spettacolo “Luigi Tenco. L’ultima notte” diretto e interpretato da Roberto Tesconi. Ha scritto metodi di solfeggio e di didattica pianistica pubblicati dalle Edizioni Carisch. Di recente uscita il nuovo album, registrato con Ferdinando Molteni, intitolato “Saluti dall’Italia”.

Ferdinando Molteni ha pubblicato una ventina di volumi per case editrici come Vallecchi, Electa, Arcana. Ha scritto e scrive di cultura sul Secolo XIX di Genova, sul Foglio di Giuliano Ferrara e su Diario di Enrico Deaglio. Il suo ultimo saggio è “Controsole. Fabrizio De André e Creûza de mä” (Arcana). Per Massimo Ghini ha scritto il testo “La strana morte di un cantautore” (in onda su Raidue nella serie “Delitti rock”) e per Roberto Tesconi l’atto unico “Luigi Tenco. L’ultima notte” (De Ferrari Editore). Come musicista ha suonato musica tradizionale e canzone d’autore. Ha tenuto concerti in Italia, Svizzera, Francia e Stati Uniti. Ha inciso un album con il trio Arethusa Consortium. Di recente uscita il nuovo album, registrato con Elena Buttiero, intitolato “Saluti dall’Italia”.

Ultima revisione articolo: