Savona: stagione record per le “Spiagge senza Scalini”

Si è conclusa la quinta stagione estiva allo “Scaletto dei Pescatori” di Savona ma proseguirà l’attività delle altre “Spiagge senza Scalini” gestite dalla cooperativa L’altromare: infatti le spiagge di Celle Ligure (S. Bastian e Bouffou) e di Varazze (Teiro e Solaro) chiuderanno il 15 settembre e rimane attivo (a S. Bastian e al Solaro) l’accompagnamento in mare per i disabili.
Un record di presenze a Savona che ha surclassato quello – già molto positivo – dello scorso anno che, nei due mesi di attività, aveva registrato 1375 presenze e 186 utenti: quest’anno le presenze sono state 2209 e gli utenti 210 a testimoniare che, nonostante le bizzarre condizioni atmosferiche, lo “Scaletto” è diventato un punto di riferimento per la balneazione e per i servizi resi alle persone svantaggiate (il record si è registrato il 28 agosto con 72 utenti!); da segnalare, comunque, che le balneazioni sono state inferiori alle aspettative, viste le condizioni del mare che non permettevano un bagno sicuro.
Il Sindaco di Savona Federico Berruti afferma: “C’è un modo etico di fare turismo: rendere un bene pubblico disponibile per tutti senza lasciare indietro nessuno. E’ questo il significato più bello dello Scaletto senza Scalini, un progetto che è la concreta testimonianza dell’anima solidaristica della città in uno dei luoghi storici più cari ai savonesi. Lo Scaletto senza Scalini è l’espressione dell’impegno di molti: enti territoriali, uffici comunali, associazioni, volontari. Ringrazio la cooperativa Laltromare che, attraverso i suoi operatori, ha reso lo Scaletto senza Scalini un progetto di interesse nazionale che fa onore alla nostra città”.
Grazie al sito www.laltromare.org – costantemente aggiornato e che conta quasi 62.000 accessi in quattro anni di attivazione – sono arrivati nella spiaggia nuovi gruppi di disabili provenienti da tutta l’Italia e non solo: a conferma di ciò, il giorno di ferragosto, è arrivato un gruppo di 9 utenti tedeschi e relativi accompagnatori che hanno “trovato” la spiaggia ricercando su internet quelle italiane attrezzate per l’accoglienza dei disabili.
Di fondamentale importanza il ruolo dei bagnini (otto a rotazione nei due turni quotidiani) che, con la loro presenza, hanno fornito assistenza e sicurezza a tutti. Un crescendo di gradimento che testimonia quanto possa essere importante investire nel “turismo senza barriere” e sviluppare una serie di iniziative con lo scopo di abbattere l’handicap e far vivere a tutti la gioia di una giornata al mare.
Anche le iniziative collaterali organizzate sono state molto apprezzate a cominciare dalle “lezioni di percussioni” aperte a tutti (disabili in primis) che sono state tenute da un bagnino percussionista nei martedì di agosto e le due cene sociali (organizzate in collaborazione con le SMS Fornaci e La Rocca) che hanno visto ai tavoli complessivamente oltre 210 persone.
Una curiosità: per la prima volta è stato “assunto” e ha prestato servizio Artù, il cane bagnino, un golden retriver addestrato da Irene Altamura che è presto diventato la mascotte della spiaggia: fortunatamente non ha mai dovuto intervenire in situazioni di pericolo, ma è diventato il “motore” per le nuotate di utenti e bambini che hanno così potuto spingersi al largo facendo così vivere un’esperienza nuova e sicura alle persone impossibilitate a nuotare.
«Un altro fondamentale aspetto della nostra attività – sottolinea la cooperativa – è l’inserimento lavorativo dedicato a persone disabili: su 25 collaboratori assunti a tempo determinato ben 11 appartengono alle figure protette dalla normativa vigente. Inoltre abbiamo impiegato: 4 persone in borsa lavoro in collaborazione con la Provincia, 6 lavoratori (1 disabile) retribuiti con i voucher, uno messo in prova dal Tribunale di Genova e tre soci volontari, per un totale di 39 persone occupate e, nonostante il forte calo nelle presenze e facendo sacrifici veri, siamo riusciti a non lasciare a casa neppure uno dei collaboratori assunti».
Alberto Traversa, presidente della Cooperativa dichiara: “Se lo Scaletto è la nostra punta di diamante non dobbiamo dimenticare anche le altre Spiagge senza scalini; soprattutto la spiaggia del Solaro a Varazze (quella del Teiro non è indicata per la balneazione data la presenza del fondale roccioso) ha visto un notevole incremento di utenti e di presenze: al 31 di agosto erano, rispettivamente, 140 e 485 a conferma della bontà del progetto gestito in collaborazione con ATA. Ma stiamo già pensando alla prossima estate che vorremmo ci portasse in “regalo” le risorse finanziarie per incrementare di un mese – dal 15 giugno al 15 settembre, come le altre spiagge – la nostra attività: sappiamo che non sarà facile, ma le proveremo tutte per trovare la somma necessaria per incrementare e migliorare ulteriormente i nostri servizi”.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: