Bilancio regionale, Lega contro amministrazione Burlando

«Come gruppo consiliare, presenteremo ufficialmente una mozione di Palazzo Regione Liguria scritta  fp1 x00sfiducia e chiederemo le dimissioni della giunta Burlando che, grazie ai rattoppi contabili al bilancio dell’assessore Rossetti, ha portato sull’orlo del default la Liguria» annuncia Edoardo Rixi, consigliere regionale della Lega Nord, al termine della seduta della Commissione II Bilancio riunitasi questa mattina in Regione per discutere il rendiconto, l’assestamento di bilancio e la finanziaria 2014.

«I nodi sono venuti finalmente al pettine – commenta Rixi – la Corte dei Conti ha giudicato incostituzionale il bilancio per mancanza di pareggio, quindi l’approvazione del rendiconto e dell’assestamento slitteranno a settembre e non andranno in consiglio la settimana prossima come avrebbe voluto la maggioranza. In pratica, si è verificato quello che noi della Lega Nord dicevamo da giorni: i nostri dubbi e le nostre perplessità si sono dimostrate, ancora una volta, fondate. A questo punto ci opporremo con forza anche all’approvazione della finanziaria 2014 che la giunta vorrebbe portare in aula la prossima settimana: sarebbe un atto assurdo visto che significherebbe approvare un piano di spesa senza avere la certezza della copertura finanziaria. Sarebbe l’ennesimo atto “alla cieca” di questa giunta che è evidente abbia operato in questi anni col paraocchi dell’ideologia forzata e delle alchimie contabili: un castello di carta che ora è crollato».

“Prendano atto del loro totale fallimento e vadano a casa. Dovevano approvare l’assestamento di bilancio, e non sono neppure in grado di dare il via libera al rendiconto”: anche Francesco Bruzzone, Consigliere Regionale della Lega Nord in Liguria, attacca duramente la maggioranza e la Giunta Regionale, in merito alla questione del bilancio e alla notizia della mancata approvazione dell’assestamento, rinviata a settembre. “Continuano ad arrampicarsi sugli specchi e a prendere tempo, aggrappandosi a presunti ricorsi che starebbero organizzando, così hanno deciso di rinviare a settembre una cosa che doveva essere effettuata oggi. La maggioranza non può pretendere di sfidare il mondo. Appare evidente come questa Amministrazione Regionale e questa maggioranza siano arrivati al capolinea e non abbiano più la forza di andare avanti. A questo punto, davanti a un fallimento di questo genere, dovrebbero trarre le opportune considerazioni, e capire che sono ormai al capolinea. Si rendano conto che sono arrivati alla frutta: ne prendano atto, rassegnino le dimissioni immediate e vadano a casa”, aggiunge Francesco Bruzzone.