Corte dei Conti, Rixi: “Il presidente Burlando relazioni in aula”

«Non accettiamo più comportamenti omertosi da parte della giunta Edoardo Rixi 1G00Burlando che tenta in ogni modo di insabbiare le questioni più scottanti. Siamo stufi di apprendere, a spizzichi e bocconi, dalle inchieste degli organi di stampa ciò che ogni consigliere regionale avrebbe il diritto di conoscere in commissione o in aula in nome della più logica trasparenza politica». Così Edoardo Rixi, consigliere regionale della Lega Nord, che ha inviato una lettera al presidente del consiglio regionale Michele Boffa per chiedere una relazione urgente, nella prossima seduta, del presidente Burlando in merito alle osservazioni della Corte dei Conti in tema di bilancio e nella fattispecie sulla vendita ad ARTE-Azienda regionale territoriale per l’edilizia di alcuni immobili delle Asl liguri.

«Nonostante le ripetute denunce da parte del centrodestra – commenta Rixi – la maggioranza di Burlando ha sempre negato lo scandalo dello scarica-debito sulla partecipata dell’edilizia pubblica da parte dell’ente di piazza De Ferrari. Alla luce anche delle presunte pressioni fatte dal presidente Burlando sul presidente della Corte dei Conti, riteniamo indispensabile sentire dalla bocca del diretto interessato la sua versione dei fatti, ma soprattutto chiediamo con forza che ci vengano fornite le osservazioni sollevate dalla magistratura contabile».

«Contestualmente alla richiesta di relazione in aula sulla situazione di Arte, Rixi ha sollecitato il presidente del consiglio Boffa sulla necessità di una relazione, sempre da parte del governatore Burlando, sui rapporti Regione-Carige. «È oltre un mese che ho fatto questa legittima richiesta al presidente del consiglio, ma ancora nessuna risposta – dice Rixi – purtroppo non è la prima volta che quando si parla di argomenti spinosi per questa maggioranza in Regione ci ritroviamo davanti a un muro di gomma, a un velo di omertà quasi impossibile da sollevare. Relazionare le osservazioni della Corte dei Conti su un tema così delicato come il bilancio riteniamo sia un atto dovuto e legittimo da parte di questa maggioranza verso tutti i liguri, ai quali alla fine sarà presentato il conto di eventuali errori da parte di questa giunta, capace solo di tagli e di insabbiamenti».