Dentalscal a pagamento nell’Ospedale di Albenga ma gratuito a Cairo, Melgrati: “un altro scandalo della gestione dell’Asl savonese”

“Devo dire che chi gestisce la sanità nel savonese, cioè Flavio Neirotti, con Marco Melgrati B1 00la copertura politica dell’assessore del PD Claudio Montaldo, una ne pensa e cento ne fa. Infatti mi è arrivata una nuova segnalazione da alcuni cittadini di un ulteriore scandalo che sicuramente danneggia gli utenti di tutto il ponente savonese”. È quanto sostiene Marco Melgrati, capogruppo di Forza Italia in Regione.

“Nell’ASL 2 Savonese – prosegue – ci sono in dotazione 2 dentalscal, apparecchiature radiografiche x fare la TAC ai denti, una all’Ospedale di Cairo Montenotte, dove la lista di attesa è di parecchi mesi ed una ad Albenga, all’Ospedale Santa Maria di Misericordia. Accade che da un po’ di tempo si può eseguire l’esame con questa apparecchiatura solo a pagamento…dai 150 ai 250 euro… mi chiedono questi cittadini se è lecito che l’apparecchio di un’ospedale pubblico venga usato solo in forma privata, e non sia a disposizione, con la mutua, perlomeno per le fasce di reddito più basse. Come se l’apparecchiatura non fosse stata acquistata con i soldi pubblici, cioè di tutti, e quindi dovrebbe essere a disposizione gratuita di tutti, senza contare che se fosse gratuita abbatterebbe certamente le liste di attesa dell’analogo macchinario dell’ospedale di Cairo Montenotte, dove invece lo stesso esame con lo stesso apparecchio è gratuito mentre ad Albenga è a pagamento. La domanda che sorge spontanea è come mai questa differenza?. Quindi, chi avesse bisogno di questo esame radiologico, o si mette in lista di attesa sciroppandosi il viaggio fino a Cairo Montenotte e attendendo mesi e mesi, oppure paga come un banco».

“Ho girato il quesito all’assessore Claudio Montaldo con una interrogazione a risposta immediata, e ascolteremo dalla Sua voce in consiglio Regionale le giustificazioni che addurrà a questo ennesimo caso di malasanità nel ponente della provincia di Savona. Vedremo come riuscirà a giustificare questa ennesima “porcata” messa in atto dai dirigenti dell’Asl 2 Savonese”, conclude Marco Melgrati.