Due nuove ordinazioni per la Diocesi di Albenga- Imperia

di Claudio Almanzi – La Diocesi di Albenga- Imperia è in festa in questi Vescovo Olivieri 2giorni per due nuove ordinazioni. Sabato (alle ore 10) il vescovo della diocesi di Albenga- Imperia, Sua Eccellenza Mario Oliveri consacrerà ad Oneglia, nella Collegiata insigne di San Giovanni Battista, don Luca Gabriel. Ieri nella Cattedrale di San Michele Arcangelo ad Albenga il vescovo Oliveri ha invece ordinato Diacono il seminarista Enrico Gatti. Don Luca Gabriel ha frequentato il Liceo ad Imperia e l’Università Cattolica di Milano. Ha vissuto gli anni del Seminario di Albenga per concludere la sua preparazione nella Fraternità San Carlo a Roma. Ha svolto l’incarico diaconale presso la parrocchia di San Giovanni Battista e sarà proprio in questa chiesa che celebrerà domenica, alle ore 11 e 30, la sua prima messa. Il Diacono Enrico Gatti ha conseguito la Laurea in Psicologia presso l’Università Cattolica di Milano. Dopo aver lavorato alcuni anni nel campo della formazione, della riabilitazione e della ricerca accademica, è entrato in Seminario.

Le ordinazioni di un Presbitero e di un Diacono sono per la diocesi ingauna un momento di grande gioia e festa. Oggi, nel Seminario vescovile di Albenga- Imperia vivono 14 seminaristi e 2 diaconi. Il Rettore è Monsignor Giorgio Brancaleoni, chiamato a questo importante incarico in sostituzione del Rettore Antonio Suetta che è stato recentemente nominato Vescovo nella Diocesi di Ventimiglia- Sanremo. Queste due nuove ordinazioni sono inoltre per la chiesa locale ingauna una importante iniezione di fiducia nel tentativo di allargare il numero di Pastori che sono assai esigui in rapporto al territorio ed ai fedeli. Un centinaio di sacerdoti, che è l’attuale numero di preti presenti sul nostro territorio, sono infatti un numero troppo piccolo per le molteplici necessità della Diocesi di Albenga- Imperia che è assai vasta (si estende su un territorio che comprende parte delle province di Imperia, Cuneo e Savona) e conta oltre 160 mila abitanti e 161 parrocchie.

I due nuovi ordinati rappresentano perciò forze nuove che andranno a collaborare con i sacerdoti, i diaconi ed i religiosi del comprensorio albenganese ed imperiese in un momento nel quale il numero dei preti è sempre in diminuzione e gli impegni delle parrocchie e dei vicariati sono invece sempre più gravosi.