Le foto di Tommy Marinelli alla Biennale di Spoleto

Prosegue Spoleto nei saloni espositivi della Galleria Eclettica dell’omonima Gabbiani by Tommy (4)Associazione, presieduta e coordinata dal Maestro Giuliano Ottaviani, pittore, scultore e orafo di chiara fama, la mostra per la prima edizione della Biennale ispirata al “Dialogo”.

«L’arte, infatti, grazie al suo linguaggio universale, è in grado di superare ogni barriera e limite spazio-temporale, riuscendo a parlare direttamente al nostro io più sensibile.

La collettiva, che ha ottenuto ampi consensi di critica e pubblico, a Spoleto fino al prossimo 15 giugno, si svilupperà, successivamente, in più spazi messi a disposizione dalle tante città aderenti al progetto, presso cui proseguirà, in una forma allargata e itinerante, che potrebbe addirittura portare le opere oltre il territorio nazionale, tali sono infatti le proposte attualmente al vaglio dell’organizzazione».

Tra i protagonisti della prima Biennale d’Arte di Spoleto è presente Tommy Marinelli, invitato ad esporre scatti fotografici di vissuto, impalpabilità floreali, pittoreschi scorci e marine. Fotoreporter di cronaca quotidiana, videomaker e regista, Marinelli sa coniugare i differenti impegni, cogliendo intuitivamente l’attimo e riuscendo a dosare con abilità e professionalità luci ed ombre, unitamente a originali effetti di post produzione. Appena conclusa la mostra multimediale di Palazzo Doria a Loano in “Omaggio alle Frecce Tricolori”, ha perciò raccolto la sfida, proponendo al pubblico un profilo artistico inaspettato, che ha saputo conquistare l’attenzione e l’apprezzamento dei visitatori, giunti da tutto il mondo, nella magica cornice spoletina.

A far grande l’esposizione d’arte, con la presenza di numerosissime opere e installazioni, oltre 150 ospiti internazionali, tra cui la pittrice loanese Nice Piana con delicati oli su tela, accanto agli studenti delle Accademie delle Belle Arti e agli artisti di Albania, Argentina, Brasile, Colombia, Croazia, Francia, Italia, Olanda, Norvegia, Romania, Russia, rappresentanti delle diverse espressioni culturali.

La biennale che si compone di: Arte figurativa; Arte sperimentale; Arte digitale; Fotografia; Installazioni monumentali; Poesia, culminerà con la selezione di un artista per ogni tendenza, cui verrà assegnato il premio Città di Spoleto “Trofeo Giuliano Ottaviani”.