Terziario: da Fisascat e Felsa nasce la Fist, Federazione Italiana Sindacati Terziario

(Roma) – Garantire una rappresentanza sindacale adeguata alla Pierangelo Raineri Fisascat G00composizione dell’attuale mercato del lavoro ed ottimizzare in sinergia lo sviluppo organizzativo e la rete dei servizi agli iscritti. Con questa duplice finalità i comitati esecutivi dei due sindacati di categoria della Cisl, Fisascat e Felsa, l’una rappresentativa dei lavoratori del terziario, commercio, turismo, servizi, l’altra rappresentativa dei lavoratori somministrati, autonomi ed atipici, hanno deciso oggi a Roma di realizzare un percorso congiunto per la costituzione una nuova grande Federazione, la Fist, Federazione Italiana Sindacati Terziario, che aderirà alla Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori.

I sindacati Fisascat e Felsa saranno coordinate dalla nuova Federazione che stabilirà gli indirizzi generali delle politiche contrattuali e di rappresentanza da attuare per la promozione e la realizzazione del welfare contrattuale e della bilateralità, per lo sviluppo di politiche previdenziali integrative, oltre che per l’avvio di percorsi di formazione professionale finalizzati alla occupabilità.

Positivo il commento del segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni, che ha rimarcato nel corso degli esecutivI congiunti l’impegno della Cisl per rappresentare e tutelare anche le forme di lavoro atipico ed autonomo. “La Cisl è stata la prima confederazione sindacale a rappresentare tanti anni fa il lavoro autonomo ed atipico” ha dichiarato il leader di Via Po. “Ora accogliamo con entusiamo la nascita della nuova Federazione del terziario, Fist – ha concluso – Insieme combatteremo la battaglia per contrastare le Partite Iva fasulle e per stabilizzare il lavoro nel Terziario”.

Grande soddisfazione anche nei quartieri generali Fisascat – Felsa che il 20 maggio prossimo formalizzeranno la costituzione della nuova grande Federazione del terziario.

“Stiamo dando seguito ai progetti definiti in sede congressuale lo scorso anno – ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Pierangelo Raineri sottolineando le motivazioni che hanno indotto i due sindacati a convergere verso l’istituzione di una nuova forma organizzativa.

“L’evoluzione del mercato del lavoro nel terziario privato, con l’aumento del lavoro autonomo, somministrato ed atipico nei diversi comparti del commercio, turismo e servizi – ha spiegato Raineri – impone una seria ed attenta riflessione su come realizzare nuove modalità sinergiche capaci di garantire tutele e diritti a tutte le lavoratrici ed i lavoratori, siano essi dipendenti o collaboratori a progetto e Partite Iva genuine”.

Anche la Felsa saluta con entusiasmo la nascita della Fist. “La scelta di dare vita alla neonata Federazione è una nuova sfida per dare rappresentanza e tutele ad un pezzo del mercato del lavoro che ancora oggi è in gran parte poco rappresentato” ha dichiarato Ivan Guizzardi, il segretario generale della Felsa, che riconosce anche il valore del sistema della bilateralità generato dall’esperienza contrattuale del terziario privato. “La Bilateralità è uno strumento di rappresentanza efficace per la creazione di nuove tutele anche per i lavoratori somministrati autonomi ed atipici, che operano nei diversi comparti del commercio, turismo e servizi”.