Elezioni, Balestra alla riconquista di Villanova d’Albenga: presentata la lista dei candidati e il programma elettorale

6 Villanova - foto di gruppo

RobertoMichels

Dopo 29 anni di attività amministrativa, 19 da sindaco e 10 da vice e assessore, Pietro Balestra è pronto a tornare alla guida del comune di Villanova d’Albenga “affiancato da un gruppo di persone che fonde esperienza professionalità ed entusiasmo, che parte da lontano e che ha saputo rinnovarsi negli anni con l’inserimento di giovani motivati e persone con un grande amore per il proprio paese, pronti ad affrontare con serietà, impegno e competenza le sfide che l’amministrazione di un Comune quale è Villanova comporta”.

Questi i candidati della lista “Torre e mura civiche” a sostegno di Pietro Balestra Sindaco: 1.Giovanni Bottaro (79 anni) avvocato civilista, già giudice conciliatore del Comune di Villanova d’Albenga e vice pretore alla Pretura di Albenga; 2.Marco Braghin (40 anni), laureato in economia e commercio, consulente sicurezza sul lavoro; 3.Paolo Cha (31 anni), laureato in scienze politiche, corso di scienze dell’amministrazione, bancario; 4.Martina Fera (26 anni), laureata, infermiera professionale; 5.Mariangela Panizza (39 anni), diploma di ragioneria, diploma  specialistico infermiera professionale, dipendente ASL2; 6.Ilaria Papalia (23 anni), studentessa universitaria, facoltà di architettura; 7.Roberto Quartara (32 anni), laureato in ingegneria ambientale, libero professionista; 8.Stefania Ravotto (41 anni), assistente studio odontoiatrico; 9.Franco Scrigna (52 anni), esercente, già assessore e consigliere uscente; 10.Daniele Stalla (29 anni), laureato in fisioterapia, fisioterapista, consigliere uscente.

Pietro Balestra ha anche tracciato le linee portanti del suo programma 1 Villanova - BALESTRA PIETROelettorale: «Nonostante la popolazione superi di poco i 2700 abitanti, infatti, le problematiche e le azioni da intraprendere sono molte ed impegnative, anche in considerazione delle realtà di interesse sovra comunale insediatesi negli anni. A tutto ciò si aggiunge una situazione economica generale che impone sacrifici, a tutti i livelli, e per contro la necessità di una maggiore attenzione ed impegno sulle problematiche del lavoro (non solo giovanile) e del sociale. Di questo siamo ben consci e sfrutteremo tutte le opportunità che ci offrirà il prossimo insediamento della Piaggio, da noi fortemente voluto, anche attraverso l’insediamento di attività dell’indotto che potranno dare concrete opportunità lavorative ai nostri giovani. La nostra amministrazione ha saputo cogliere con prontezza la delocalizzazione dello stabilimento Piaggio ben conscia che si trattava dell’inizio di un percorso importante per lo sviluppo della nostra economia territoriale per cui avvieremo tutti quei meccanismi che consentiranno la necessaria integrazione di tale attività con il tessuto economico-sociale Villanovese e con l’intero centro storico. La realizzazione del nuovo Palazzetto dello sport nell’area attigua alla Piaggio può rappresentare il primo passo di questo progetto di integrazione».

«Ma Villanova – prosegue Balestra – non è solo Piaggio: è sviluppo di nuove attività tra le mura e deve essere un’azione incisiva di promozione della nostra Cittadina, utilizzando gli spazi esistenti, compreso il nuovo Salone dei Fiori (dove prossimamente verrà intitolata la nuova biblioteca intercomunale), l’aeroporto e l’ippodromo con le adiacenti ex aree demaniali. Villanova è terziario, Villanova è commercio: molte sono le attività produttive che si sono insediate nel territorio e molte sono quelle che potranno arrivare, creando così una nuova economia, ma solo se l’amministrazione comunale saprà essere attenta alle nuove sfide che si presenteranno in futuro. Ormai le finanze pubbliche sono allo stremo e le uniche opportunità di sviluppo e di rilancio dell’economia sono legate ai Fondi Europei 2014-2020 gestiti dalla Regione Liguria e dalla FILSE. Come nel passato, saremo pronti con progettualità efficaci e mirate per ottenere più finanziamnti possibili e attiveremo uno sportello di sostegno alle micro imprese al fine di supportare l’economia territoriale nell’accesso ai fondi europei. Ma non solo. Occorrerà fare molta attenzione alle opportunità che la normativa nazionale sta vagliando mediante l’attivazione di nuovi meccanismi di supporto agli investimenti pubblici».

«Saremo attenti alla qualità della vita, all’ambiente, alle fasce giovanili, allo sport e all’istruzione, con un nuovo accesso alla zona scolastica migliorandone la fruizione e la realizzazione della mensa. Saremo di supporto a tutte le Associazioni presenti sul territorio ed a tutto il Volontariato: dalla Sportiva alla Pro Loco, alla Croce Bianca, alla Squadra di Protezione civile, all’Associazione culturale, ai Circoli ricreativi, ai Consorzi, alle Confraternite e a tutti coloro che contribuiscono a mantenere vive le nostre tradizioni e il nostro essere Villanovesi, grazie soprattutto alle nostre Frazioni che consideriamo una grande ricchezza per Villanova con ampi spazi di sviluppo, specialmente nell’economia verde».

Una particolare attenzione sarà rivolta al Sociale, aggiunge il candidato sindaco, «da sempre fiore all’occhiello della nostra amministrazione: il sostegno alle fasce deboli, a giovani e anziani, alla disabilità, agli interventi di solidarietà e aiuto, ai progetti di inserimento lavorativo. Grazie al supporto delle cooperative sociali potremmo aiutare a risolvere tutte quelle nuove situazioni di disagio createsi nelle famiglie di giovani o degli ultracinquantenni, per la perdita del lavoro o dall’impossibilità a fare fronte alla quotidianità. Attiveremo al tal fine un servizio di prima assistenza legale gratuita».

Ambiente, viabilità e sicurezza sono altre priorità programmatiche: «L’assetto idrogeologico del territorio necessita di interventi soprattutto nelle aree gravemente danneggiate dalle piogge intense dell’inverno scorso: continueremo ad impegnarci con tutte le azioni necessarie affinché si possa evitare il ripetersi di tali calamità, e interverremo anche sulle situazioni franose che colpiscono prevalentemente le frazioni con le necessarie manutenzioni ai corsi d’acqua principali. Sull’intero territorio comunale saranno effettuati interventi di nuova viabilità, modifica e potenziamento dell’esistente con la creazione di nuovi parcheggi; nelle zone più decentrate verrà potenziato il sistema della pubblica illuminazione, in particolar modo nelle aree ancora sprovviste di lampioni con l’installazione di impianti alimentati ad energia rinnovabile. Verranno inoltre sostituiti tutti i corpi illuminanti con idonei impianti di nuova generazione al alta efficienza energetica rivisitandoli anche dal punto di vista estetico al fine di meglio integrarli con le caratteristiche dei luoghi. Verrà potenziato il sistema di videosorveglianza con l’installazione di nuove telecamere nelle frazioni e nelle zone decentrate per rendere Villanova ancora più sicura. Verrà ulteriormente consolidata la collaborazione con le forze di polizia, il Nucleo aeroportuale dei Carabinieri ed in particolar modo con i militari nostra stazione CC ai fini della sicurezza e dell’ordine pubblico».

«Recentemente è stato aggiornato il Piano di Protezione civile, per renderlo efficace verranno implementati i sistemi di diffusione degli allerta alla Cittadinanza attraverso nuove tecnologia che utilizzano messaggistica GSM, utilizzabile anche in casi di ordinanze contingibili ed urgenti ad esempio chiusura scuole, frane, impraticabilità strade e simili. Verrà creata una rete WiFi gratuita nelle aree commerciali del Comune. In ultimo, ma non certo per importanza, lavoreremo con la serietà e la delicatezza necessarie, senza semplicistici populismi, alla soluzione del problema dei sottotetti che sta creando disagio a molti Villanovesi. Metteremo mano al nuovo Piano urbanistico comunale per il quale abbiamo già svolto un importante lavoro di analisi territoriale e elimineremo i vincoli relativi al Golf».

«Queste saranno le linee guida a cui ci ispireremo per definire e dettagliare il nostro programma. Saremo vicini alla gente e questo concetto lo facciamo nostro nella pienezza del suo significato. Lo spirito e l’amore per Villanova che ci contraddistinguono ma nello stesso tempo ci uniscono nell’unico intento di fare il meglio di cui saremo capaci per il nostro paese, il nostro entusiasmo corroborato dall’esperienza di un passato ben visibile agli occhi di tutti, ci consentono di porci con autorevolezza e credibilità al giudizio dei Villanovesi», conclude Balestra.

Ultima revisione articolo: