Elezioni, Franco Bruno (Viviandora): “tasse locali al minimo con i quaranta milioni di euro dal porto turistico comunale”

“Quaranta milioni di euro dal porto turistico comunale per mantenere le Franco Bruno 02tasse locali al minimo”. È quanto è emerso nel corso del primo incontro elettorale di Viviandora di ieri sera con le associazioni Albergatori e Agenzie Immobiliari. Di fronte ad una numerosa e qualificata rappresentanza delle due associazioni di categoria il Candidato Sindaco di Viviandora Franco Bruno ha illustrato il programma elettorale della lista civica andorese attualmente alla guida del Comune di Andora.

Due i punti fermi del programma: sostegno al turismo ed all’agricoltura, considerate le due economie del paese che faranno da traino a tutte le altre realtà economiche locali. “È con l’aumento del numero degli abitanti che Andora potrà avere un’economia più solida e maggiormente strutturata. Dal 2004 ad oggi la cittadina è passata da 7000 a 7700 residenti, ora puntiamo a quota 8500 nel giro di pochi anni” ha esordito Franco Bruno.

“Per fare questo dobbiamo trasformare il nostro turismo da quello di tipo balneare a quello di tipo ‘culturale’ dove con questa parola si deve intendere l’accoglienza al turista fatta dal territorio con le proposte delle tradizioni artigianali e agricoli, dell’enogastronomia e dei prodotti tipici, dell’arte e delle iniziative del tempo libero e sportive, insomma Andora territorio dell’outdoor”, prosegue il Candidato di Viviandora.

Entrando nei principali punti del programma Viviandora sostiene fermamente che il porto turistico comunale non debba essere privatizzato ma che deve continuare ad essere gestito direttamente: “Grazie al recente ottenimento della concessione demaniale fino al 2044, la gestione pubblica permetterà al Comune di Andora di avere 40.000.000 di euro di entrate nette per i prossimi trent’anni. Questa cifra consentirà di continuare a mantenere le tasse locali al minimo, senza applicazione dell’addizionale comunale Irpef a tutti i cittadini e della Tasi alle categorie economiche e le tariffe su tutti gli altri servizi saranno più basse possibili”.

Anche l’acquedotto comunale sarà mantenuto a gestione pubblica dal Comune di Andora che “grazie a risorse proprie interviene già da ora per contenere le tariffe”.

Dopo le domande del pubblico a cui il Candidato Sindaco di Viviandora Franco Bruno ha risposto in maniera esauriente, per un breve saluto ha preso la parola il Sindaco uscente Franco Floris che, nel dichiararsi convinto sostenitore della lista civica, ha espresso il proprio compiacimento per la serata svoltasi in un clima propositivo e costruttivo.

Domani sera, mercoledì, si replica alle 21 sempre all’Hotel Moresco incontrando l’Associazione Commercianti ed Esercenti di Andora.