Turismo, Liguria: troppe incertezze su riforme bloccano governance locale e riorganizzazione

La Regione Liguria ha già fatto una approfondita opera di razionalizzazione Angelo Berlangieri microfoni 01per tagliare i costi del turismo. Dopo l’eliminazione delle Apt, anche le spese per gli uffici di informazione e accoglienza turistica sono scese, in questi anni ultimi, da due milioni di euro a 1, 7 milioni, grazie alle nuove collaborazioni avviate dalla Regione Liguria con i comuni e al riordino dell’intero servizio.

Lo afferma l’assessore al Turismo della Regione Liguria Angelo Berlangieri, rispondendo alle dichiarazioni del consigliere regionale Raffaella Della Bianca sull’organizzazione del turismo in Liguria.

Diverso invece il discorso per quanto riguarda una nuova governance in materia di turismo che “non può prescindere da un quadro chiaro a livello nazionale, per evitare di fare una cosa oggi e doverla cambiare il giorno dopo”, dichiara Berlangieri.

Per l’assessore, “La Regione Liguria ha le idee chiare su come riorganizzare la governance, secondo un concetto chiaro e cioè che cosa serve per far funzionare l’economia del turismo e migliorare le performance delle imprese. Ma in una situazione e un quadro nazionale ancora di grande incertezza sulla riforma del Titolo V della Costituzione Province sì, Province no, Città Metropolitane, il rischio di varare norme intempestive e inutili è reale. Aspettiamo le decisioni e vediamo il da farsi”.