Sindaco Pignocca: Loano non ospiterà l’ara crematoria nei pressi del cimitero Berbena

Loano non ospiterà l’ara crematoria nei pressi del cimitero Berbena. LUIGI PIGNOCCA_DSC4607 2012 Orizz01Questa è la decisione che l’Amministrazione Comunale ha espresso al termine di un iter informale, che ha preso il via nei mesi scorsi con una richiesta interlocutoria da parte del soggetto interessato a realizzare l’opera.

“Così come scelto all’inizio del mio mandato ho deciso di approfondire questa tematica includendo l’intero Consiglio Comunale”, spiega il sindaco Luigi Pignocca: “Ho ritenuto, e ritengo tutt’oggi, che ci siano argomenti d’interesse pubblico su cui è importante coinvolgere nella riflessione maggioranza e opposizione, senza speculazioni politiche. Ma, mi accorgo dalla lettura della pagina di un quotidiano che forse non tutta l’opposizione possiede senso di responsabilità e maturità tale da consentire un dialogo sereno e senza posizioni ideologiche e strumentali”.

“La richiesta di valutare se Loano potesse ospitare l’inceneritore a servizio del locale cimitero è stata allargata a tutte le rappresentanze politiche loanesi, attraverso due riunioni, in cui abbiamo chiesto ad ogni gruppo politico di riportarci in breve tempo le proprie considerazioni in merito alla proposta. Tutti d’accordo su tale impostazione, e in una delle due riunioni sono stati invitati anche i soggetti proponenti. L’ultimo incontro è avvenuto lo scorso lunedì 3 marzo e ha coinvolto i Capogruppo Consiliari”.

“Non si comprende quindi – prosegue il sindaco – quale logica guidi le accuse che il gruppo ‘È tempo’ muove nei confronti dell’Amministrazione che guido. C’è una continua contraddizione tra i principi che tale gruppo enuncia e la pratica politica quotidiana. Mi chiedo come si fa a dichiarare, così come abbiamo letto sul giornale, che il Sindaco perde tempo nell’approfondire questioni che riguardano l’interesse pubblico? Ed ancora, come si può continuare a chiedere spazi di partecipazione e condivisione, così come fa il gruppo “È tempo”, e poi alla prima occasione farne un uso così strumentale? È un atteggiamento fazioso e soprattutto improduttivo, quando ci sono temi che riguardano l’interesse pubblico”.

“Rivendico la scelta di aver intrapreso un percorso di confronto aperto con le opposizioni, attraverso l’istituzione di Commissioni Consiliari, modifiche al regolamento comunale e come in questa occasione, creando di spazi di discussione e approfondimento su tematiche ritenute importanti. Mi spiace constatare che per il gruppo ‘È tempo’ rappresenti una perdita di tempo, ma ricordo loro che sviluppare percorsi di partecipazione sulle scelte, impone spazi temporali di condivisione e discussione”.

“Inoltre, ritengo che sia mio compito di Amministratore non liquidare le questioni di interesse pubblico, senza aver approfondito e conosciuto nei dettagli il tema su cui sono chiamato a decidere. Ritengo che questo atteggiamento non sia una perdita di tempo ma rappresenti il mio dovere. Credo ci sia senso di responsabilità, rispetto per tutti coloro che portano istanze alla mia attenzione e onestà intellettuale nel valutare e sceglie per Loano, solo dopo aver approfondito”, conclude il sindaco Pignocca.