Calamità naturali e fondi per gli enti locali, sindaco Mai scrive al Ministro Lupi: “servono più risorse per i Comuni”

Calamità naturali e fondi per gli enti locali, Stefano Mai scrive al Ministro Stefano Mai 2011Lupi. Il Sindaco di Zuccarello e Capogruppo della Lega Nord nel Consiglio della Provincia di Savona ha inviato una missiva al Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, on. Maurizio Lupi, per mettere in evidenza i problemi dei Comuni alle prese con le difficoltà provocati dalle calamità naturali e dalle condizioni meteorologiche estreme, nonché con la carenza di fondi per riparare i danni da essi causati.

“Gentile Signor Ministro”, scrive Mai, “ho apprezzato molto la Sua visita lo scorso febbraio ad Andora in occasione del sopralluogo al treno deragliato, a testimonianza della vicinanza ad un territorio martoriato dalle frane. Oltre a tutte le preoccupazioni di noi amministratori pubblici, che ci troviamo a combattere quotidianamente contro il dissesto idrogeologico, abbiamo subito anche la beffa del Festival di Sanremo, che ha mostrato come prima immagine quella appunto del locomotore a picco sul mare. Ritengo quanto fatto dalla Rai uno sfregio ad un territorio già così penalizzato da molti punti di vista, turistico, viario, economico, infrastrutturale.”

“Questa mia, però, è finalizzata a cercare di capire, ‘sfruttando’ la Sua, spero, disponibilità, a far convergere sul territorio savonese risorse per la tutela del territorio”, prosegue l’esponente della Lega Nord. “Come Lei ha ben sottolineato, durante l’incontro tenutosi a Palazzo Tagliaferro, ‘Non possiamo più permetterci di piangere delle vittime per i disastri naturali. Dobbiamo lavorare sulla prevenzione’. Su questo, siamo tutti assolutamente d’accordo, e come lei ben sa è più semplice ed economico far prevenzione piuttosto che ripristinare i luoghi colpiti, che in aggiunta causano sempre grandi disagi alla popolazione. Ci ha poi informato che nel ‘Decreto del Fare’ sono state inserite per la prima volta risorse per strade e ferrovie, ma la Liguria, che come Lei ha precisato ‘a parità della Calabria è la regione italiana che ha il più alto rischio idrogeologico’, necessita anche di ben altre risorse”.

“Mi ha molto stupito il passaggio nel Suo intervento in cui afferma che ‘il Prefetto Gabrielli…ha riferito che la Protezione Civile ha risorse per 2,5 miliardi di euro che non riesce a spendere’. Questo è davvero incredibile. Fino ad oggi i comuni hanno compilato ed inviato alla Regione, decine di schede di segnalazione danni, ma se non vengono destinati fondi sufficienti, dopo 3 anni tali segnalazioni vengono archiviate. I comuni, specie quelli piccoli, dopo le Comunità Montane e le Province, sono ora diventati l’anello debole del sistema, additati come centri di sperpero di denaro pubblico, e diventati oramai solo un sportello bancario della Tesoreria di Stato si vogliono condurre alla chiusura naturale. Tutto questo renderà i nostri territori sempre più vulnerabili e dimenticati da tutti, con notevole recupero di risorse economiche da parte del governo centrale, ma con una perdita di patrimonio naturale inestimabile. Mi rivolgo quindi a Lei per capire in che modo i Comuni Savonesi possano accedere alle risorse sopracitate, per poter effettuare gli interventi necessari alla tutela del proprio territorio”, conclude il Sindaco di Zuccarello e Capogruppo della Lega Nord in Consiglio Provinciale Stefano Mai, nella sua lettera indirizzata al Ministro Lupi.