Manifestazione Rete Imprese, Cerisola (Confesercenti Savona): “un segnale importante che abbiamo voluto lanciare al paese”

Più di duecento persone in arrivo da tutta la regione, compresa una nutrita La delegazione di Confesercenti Savona Roma 18-2-2014rappresentanza per la provincia di Savona (nella foto a sx). Sono questi i numeri della delegazione di imprenditori aderenti a Confesercenti Liguria, salpati questa mattina alla volta della capitale per la grande manifestazione indetta da Rete Imprese Italia per rivendicare una svolta urgente e concreta nella politica economica del Paese. È un evento storico, la prima mobilitazione generale delle Pmi della storia italiana.

«Da tantissimo tempo il popolo delle piccole e medie imprese non scendeva in piazza per partecipare ad una manifestazione, che per le nostre aziende significa rinunciare ad un’intera giornata di lavoro e rappresenta quindi un sacrificio non da poco. È un segnale importante che abbiamo voluto lanciare al paese, in un momento di crisi drammatico», commenta il presidente di Confesercenti Savona, Giancarlo Cerisola.

«Da questa manifestazione – prosegue Cerisola – è emersa chiaramente l’importanza delle associazioni di categoria nel rappresentare i problemi, e in questo contesto anche la rabbia, di migliaia di imprese. L’importante risultato raggiunto in termini di sensibilizzazione è frutto del lavoro collettivo avviato da Rete Imprese Italia. Un lavoro che Confesercenti porterà avanti sul territorio, attraverso una serie di incontri con le amministrazioni locali per arrivare ad un accordo sulla redistribuzione del carico fiscale. Abbiamo già fissato un appuntamento con il Comune di Savona e a breve ne seguiranno altri con alcune delle principali amministrazioni della provincia».

I numeri nella nostra regione parlano di un saldo negativo di 900 imprese nel 2013, aumenti medi dell’80% nelle tariffe della Tares, con punte addirittura del 300% per alcune categorie. Il 40% in meno di finanziamenti erogati dalle banche rispetto alle domande pervenute, sempre nell’ultimo anno. Sono solo alcuni dei numeri che hanno spinto le imprese di Genova e della Liguria ad aderire alla manifestazione di Rete Imprese e a scendere in piazza.