Casa della Legalità: “Formalizzata denuncia a carico di Pietro Fotia” (il video)

Nella giornata di ieri, lunedì 10 febbraio 2014, la Casa della Legalità e il NNN1giornalista Mario Molinari hanno presentato alla Procura di Savona le rispettive denunce-querele a carico di Pietro Fotia per i fatti avvenuti il 5 febbraio scorso durante un’udienza sul processo relativo a Scavo-Ter presso il Tribunale di Savona.

La Casa della Legalità in allegato alla propria denuncia ha consegnato copia del video realizzato dal giornalista Mario Molinari in cui il Pietro Fotia, interrompendo il dibattimento e ignorando i ripetuti richiami del Presidente del Collegio del Tribunale, si spingeva sino a promuovere un’evidente azione di intimidazione verso il Pubblico Ministero Umberto Pelosi.

«Quello del 5 febbraio – dichiara in una nota la Casa della Legalità – è stato l’ultimo eclatante esempio della pericolosità sociale di Fotia Pietro e dell’avversione profonda verso la Magistratura, così come verso la Casa della Legalità e verso i giornalisti che osano occuparsi di lui e degli affari della sua famiglia che, dalle risultanze dei reparti investigativi richiamate anche nelle interdizioni promosse dalla Prefettura di Savona, è indicata come “terminale” nel savonese della potente cosca dei Morabito-Palamara-Bruzzaniti».

«Dalle recenti risultanze di inchieste è emerso che questi operino in Liguria in rapporto con gli esponenti della cosca dei Gullace-Raso-Albanese guidati (secondo le più recenti indagini della DIA) nel nord-ovest del paese dal noto Gullace Carmelo, nonché già in rapporti anche con i noti Pellegino-De Marte e con il Marcianò Giuseppe (capo-locale della ‘ndrangheta di Ventimiglia) che, secondo quanto intercettato nell’ambito dell’inchiesta “La Svolta” della DDA di Genova, avrebbe operato per far ottenere ai Fotia lavori nell’estremo ponente ligure, come quelli per i porticcioli di Ospedaletti e di Imperia», conclude la nota della Casa della Legalità.