Carcare, sindaco De Vecchi: “l’emergenza non è finita, restiamo a casa”

Carcare

Carcare | Emergenza coronavirus, il sindaco di Carcare Christian De Vecchi rinnova l’invito alla cittadinanza di seguire le prescrizioni governative.

RobertoMichels

«Cari concittadini – scrive il sindaco De Vecchi – mi appello per la seconda volta alla vostra sensibilità, al vostro senso del dovere nel rispettare quell’elementare regola che oggi il Governo i Ministeri e le Prefetture ci chiedono, ovvero di RESTARE A CASA. Restiamo a Casa: per tutte le logiche e scientifiche ragioni che quotidianamente ci vengono spiegate ma soprattutto; per la spontanea consapevolezza che soltanto attraverso una costante operazione di rispetto dei valori umani riusciremo a superare questo difficile momento.»

«“Restando a casa contribuiremo a frenare la diffusione del Virus”, in sintesi questo è il messaggio che le autovetture della Protezione Civile e della Polizia Locale continueranno a diffondere per le strade e piazze del nostro Paese, non per spaventare ma per trovare collaborazione attiva.
Questa mattina gli strumenti elettronici (OCR) attivi sulle vie principali del nostro territorio hanno rilevato molti più transiti veicolari e pedonali, rispetto ai giorni precedenti, ciò vuole semplicemente dire che oggi a Carcare ci siamo mossi, anche se legittimamente, in troppi.»

Christian De Vecchi

«L’EMERGENZA NON È FINITA.
Vi rinnovo pertanto l’appello a muovervi, dentro e fuori i confini del nostro territorio comunale, solo in casi di estrema necessità.
Grazie.
Christian De Vecchi
Sindaco di Carcare»


UTILITÀ
Coronavirus, ma io sono malato? Cosa fare in caso di dubbi
Coronavirus: Far fronte allo stress durante l’epidemia di Covid-19 (e dare supporto ai bambini)
Coronavirus: cosa fare se si è costretti all’isolamento?
Numero verde regionale 800 593235 a disposizione delle persone anziane fragili per la consegna dei farmaci o della spesa a domicilio
Emergenza coronavirus: le buone norme igieniche quotidiane per la prevenzione
Coronavirus e animali d’affezione, che cosa si può fare e che cosa no
Emergenza coronavirus: cosa resta aperto e chi deve chiudere

Ultima revisione articolo:

ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO