Elezioni Albenga – Tomatis, un “manifesto” per il ballottaggio: “realizzare insieme un grande progetto”

Albenga. Elezioni amministrative, verso il ballottaggio del 9 giugno: il candidato Sindaco Riccardo Tomatis rilancia il suo programma accogliendo anche spunti dalle “proposte promosse dai candidati che oggi sono stati esclusi”. «Mi sono candidato insieme a tanti uomini e tante donne – argomenta Tomatis –, tutti animati solo dalla voglia di imprimere allo sviluppo della Città un’accelerazione ed un entusiasmo forte e disinteressato. Non sono in gioco poltrone o incarichi, ma solo il bene degli Albenganesi. Mi confronterò al ballottaggio contro chi invece non ha fatto proposte e si è solo limitato a farsi referente di proposte e di promesse garantite da chi negli ultimi anni ha scippato ad Albenga l’Ospedale, opportunità di sviluppo e risorse. Diego Di Stilo e Fausto Icardo non hanno chiesto per sé o per altri posti, cariche o poltrone. Né gliene sono state proposte. Sul campo ci sono solo gli interessi degli albenganesi. Vero è, però, che durante la campagna elettorale, talvolta mi sono trovato in sintonia su proposte promosse dai candidati che oggi sono stati esclusi dal ballottaggio. Al nostro programma che ha ricevuto un enorme consenso, senza chiedere nulla in cambio, voglio sommare anche queste idee perché quando si parla di Albenga si deve puntare in alto senza presunzione e arroganza, facendo tesoro del buono e del giusto che anche altri hanno messo sul tavolo. Ascolto e dialogo; mi aspetto con grande fiducia che coloro che amano Albenga apprezzino e vogliamo concorrere a realizzare insieme un grande progetto!».

RobertoMichels

«Esistono tante priorità e sfide; eccone alcune», puntualizza Tomatis: «Avviare un nuovo grande investimento nella manutenzione della Città (strade, scuole, musei e impianti sportivi), anche attraverso soluzioni e strumenti innovativi che consentano maggiore speditezza ed efficacia nella realizzazione delle opere e aprire il cantiere del nuovo Polo Scolastico con finanziamenti già assegnati dallo Stato per oltre 10 milioni di Euro; ciò significa tanto lavoro ed enormi opportunità di crescita e di sviluppo per  cittadini e imprese. Il lavoro è una priorità e produce ricchezza e su questo esiste la ferma volontà di fare il massimo. Proseguire nella riqualificazione ambientale e infrastrutturale di Albenga, negli investimenti per sicurezza e video-sorveglianza; a partire dal Centro Storico, ma dedicando attenzione e risorse, anche in termini di nuove idee, alla valorizzazione del fronte mare, delle passeggiate lungo fiume, dei viali e delle passeggiate a mare e delle frazioni per allargare idealmente i confini della nostra Città. La difesa dell’Ospedale e della Sanità in Albenga deve essere sostenuta senza se e senza ma; una frontiera, una trincea dove combattere i tentativi maldestri che in questi anni hanno portato a distruggere in parte quanto gli Albenganesi avevano costruito con i loro soldi. Chi oggi promette e garantisce di aiutare il candidato avversario è proprio chi non ha voluto nemmeno confrontarsi su queste scelte negative per Albenga; non con i cittadini e neppure con le Istituzioni. Insomma Albenga sia governata dagli Albenganesi, da persone competenti ed oneste che la amano» copnclude il candidato Sindaco Riccardo Tomatis.

Vedi Elezioni Albenga, domenica 9 giugno ballottagio tra Calleri (44%) e Tomatis (40%)

Ultima revisione articolo: