Amministrative Albenga, Boscaglia: “Ciangherotti sminuisce l’operato delle Polizie locali di Albenga, Loano e Finale Ligure”

Albenga. Polemiche elettorali. In relazione alle dichiarazioni diffuse in città dal consigliere uscente Eraldo Ciangherotti (FI) il consigliere con delega alla Polizia Locale Manlio Boscaglia afferma: “Il Comando della Polizia locale è impegnato da anni nel campo della prevenzione antidroga con progetti chiari che funzionano, vista la qualità e l’importanza dei risultati ottenuti. Nel 2018 la polizia locale ingauna si è distinta con ben 56 tra arresti e denunce per il consumo di stupefacenti e da marzo 2019 ad oggi sono già 17 gli arresti e le denunce effettuate dal corpo. A dimostrazione del forte valore del loro impegno pochi giorni fa è arrivato il riconoscimento per quattro tra ufficiali ed agenti da parte delle Regione che li ha premiati con un’onorificenza per meriti speciali”.

Vedi Albenga, onorificenze agli agenti per la “Giornata regionale della Polizia Locale”

“A chi oggi come al solito straparla e cerca di accreditarsi meriti e ‘vittorie’ altrui – prosegue Boscaglia – vorrei chiedere perché ha contrastato e non era presente all’inaugurazione della nuova sede del Comando di via Bologna della Polizia Locale e della relativa sala polifunzionale intitolata a due agenti scomparsi in servizio, che tanto hanno dato alla loro città, una sede centrale e moderna che comprende la centrale operativa di videosorveglianza che è il fiore all’occhiello della città, a riprova che sa fare tanti proclami, ma messo alla prova amministrativa pochi fatti. A chi è venuto in consiglio Comunale con la foto di un pastore tedesco e quella di Benito Mussolini dichiarando che avrebbe provveduto personalmente all’acquisto e al relativo mantenimento aspetta oggi che il servizio è in fase di realizzazione per assumersene il merito sminuendo l’operato delle Polizie locali di Albenga, Loano, Finale Ligure”.

“Le polizie locali associate di Albenga, Loano e Finale operano insieme per garantire sempre migliori servizi e prevenzione alle nostre città e, nel rispetto dei tempi e delle modalità che queste scelte comportano, sta portando avanti la stesura di un Protocollo di intesa per la dotazione di un cane antidroga alle polizie locali associate che insieme sono in grado di affrontare i costi e l’organizzazione del personale distaccato che se ne occupi. Morale della favola è la solita ciarlatanata del Consigliere Ciangherotti per farsi pubblicità elettorale”, conclude Boscaglia.