È polemica sulla messa in sicurezza dei torrenti nella piana di Albenga

«Il Comune di Albenga faccia presto, superi i ritardi che ha 2 - Reg. incontro con agricoltori - Albengaaccumulato per fare in modo che sia approvato il progetto definitivo per i lavori di messa in sicurezza idraulica di Rio Fasceo e Rio Carendetta dopo l’alluvione del novembre 2014. In Regione lo stanno aspettando». Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia, Angelo Vaccarezza, in seguito ad un sopralluogo compiuto, insieme agli assessori Giampedrone e Mai, ad Albenga dove hanno incontrato una delegazione di coltivatori della piana di Albenga.

«Da un accesso agli atti da parte di alcuni consiglieri comunali di opposizione di Albenga, Eraldo Ciangherotti e Ginetta Perrone (Forza Italia) e Rosy Guarnieri e Cristina Porro (Lega Nord), risulta che sia ancora in fase di ultimazione il progetto preliminare – ha aggiunto Vaccarezza – Ci aspettavamo di trovare ben altra situazione, visto che era stato annunciato che i progetti definitivi erano già stati inviati all’amministrazione regionale nell’ambito dei fondi stanziati dal Governo per Italia Sicura II. Non voglio fare una polemica politica – conclude Vaccarezza – ma è opportuno che si faccia presto, altrimenti Albenga non scriverebbe un’edificante pagina di politica amministrativa».

Tutt’altra versione arriva dall’assessore ai Lavori Pubblici di Albenga Tullio Ghiglione: «Subito dopo le elezioni regionali – si legge in una nota – abbiamo atteso l’insediamento della nuova Giunta Regionale e infatti , una volta insediata, abbiamo richiesto formale appuntamento il 13 Luglio e il 21 luglio 2015 con lo scopo di concordare con la nuova amministrazione regionale il percorso di collaborazione sullo specifico argomento. Ad oggi non siamo ancora stati ricevuti. Per quanto riguarda il lavoro svolto dall’amministrazione comunale, si è cercato di rispettare quanto era previsto dal cronoprogramma e cioè di rendere “cantierabile” (era quanto richiesto) entro il 31/12/2015 il progetto di messa in sicurezza tratto Rio Fasceo e Cerendetta di Rapalline sino alla confluenza dell’asta con Rio Carenda per € 2.258.401,83. Infatti i progetti sono pronti e per essere ovviamente tramutati e formalizzati in definitivi devono necessariamente trovare la copertura economica per la quale attendiamo, quindi, notizie dalla regione e per cui stiamo attendendo dal 20 Luglio di essere ricevuti».

«Purtroppo, allo stato non ci risulta che ci siano risorse finanziarie destinate a tali interventi. Qualora ci fossero noi siamo pronti e disponibili a dialogare con la Regione Liguria. Concludo, lanciando ancora una volta un appello alle forze politiche per collaborare e condividere questo importante tema per il quale tante aziende attendono risposta», ribadisce Ghiglione.

2 Commenti

  1. E dei pini di via della costituzione che ne dite. Dopo molte sollecitazione di tanti anni niente?E noi abbiamo i rami che sono in casa.Non riesco a capire cosa si aspetta visto che era programma elettorale di questa giunta . Grazie

  2. Vacarezza sollecita il comune “a fare presto”, durante il suo mandato in provincia NON AVEVA FATTO TENTO PRESTO PER PULIRE IL CENTA ! quindi ogni altro commento è inutile
    La domanda è una : ci sono i soldi o no ? perché qui mi sembra di sentire la ” favola del bestente “.

I commenti sono bloccati.