I have a Dream… ad Albenga presentato il progetto “Intorno all’Isola” (Gallinara)

di Sandra Berriolo – Presentato oggi in Comune ad Albenga un 3  Conf St Archeologia - Albenga 25-7-2014importante progetto: “Intorno all’Isola”. Insieme alle massime Autorità comunali e all’On. Franco Vazio, il sovrintendente per i Beni Archeologici della Liguria Bruno Massabò e lo staff di StaS con il funzionario Simon Luca Trigona, il tenente di vascello Alessandro Guerri e il capitano Enrico Moretti, è stato ufficializzato il decreto del Presidente della Repubblica dell’istituzione dell’Ufficio Circondariale marittimo di Loano/Albenga.

Da ciò si è preso spunto per rendere nota anche la realizzazione del progetto “Intorno all’Isola” che vede una sinergia delle varie Istituzioni per la fruizione in modo organico e legale della zona archeologica marina antistante Albenga. Il dott Massabò della Soprintendenza ha espresso il suo sogno: “L’anfiteatro di Albenga”, ovvero l’unione tra archeologia terrestre e subacquea. In questo sogno ci sono turisti interessati alla cultura che possono fare un percorso completo dalla via Iulia Augusta all’anfiteatro, per passare ai monumenti di archeologia terrestre del centro storico e della zona meridionale, poi la mostra con il piatto blu e gli importanti vetri ritrovati, San Calocero e la villa di Lusignano passando per i reperti nell’alveo del fiume e arrivare infine al mare.

Ecco allora i responsabili della Capitaneria illustrare il progetto pilota che riguarda proprio la Gallinara. Nei primi giorni di agosto si potranno fare ricognizioni guidate sui due relitti: le ardesie, sito post medievale e il relitto A già studiato da Lamboglia nel 1950. Si tratta di una prova generale per vedere il successo e l’interesse che suscita questo tipo di turismo subaqueo. È stato creato un sito web grazie al quale sarà possibile prenotare le visite per un massimo di 10 persone alla volta, con guida.

Nella foto: la vecchia e la nuova mappatura della zona archeologica intorno all'Isola Gallinara
Nella foto: la vecchia e la nuova mappatura della zona archeologica intorno all’Isola Gallinara

In questo modo oltre a poter controllare quante e quali persone si avvicenderanno ai relitti, i gruppi di diving potranno non sovrapporsi e sarà possibile evitare ogni illegalità; ci sarà inoltre un aggiornamento della situazione dei relitti grazie anche alle nuove mappature della zona archeologica e alla pulizia di essi.

Il dott Massabò auspica anche un Museo moderno e il Sindaco Cangiano dà ampia disponibilità a lavorare e dare indicazioni per un progetto ambizioso che metta a sistema Museo e aree archeologiche. Può essere una scelta vincente e che darebbe, non solo lavoro ai giovani, ma che creerebbe un notevole indotto.

L’on. Franco Vazio afferma di averne parlato con il Ministro Franceschini, che ha chiesto di creare un progetto concreto e di presentarlo. Il nuovo Decreto Legge sulla Cultura, approvato dal governo Renzi, “prevede che i privati che investono o sponsorizzano un bene archeologico, possano dedurre al 65%, e un progetto come quello di Albenga che darà ricadute non solo economiche, ma di immagine internazionale allo sponsor, avrà sicuramente imprenditori che sapranno cogliere l’importanza del progetto. Un’occasione che coniuga scienza e cultura deve avere la massima divulgazione”.

Il Sindaco conclude l’incontro dicendo che questa è occasione unica che potrà aiutare la città, non solo ad uscire dalla crisi, ma a trovare occasioni nuove di crescita anche economica. La cultura non è residuale, ma può essere la leva da cui far ripartire la città.

* Per iniziare ad informarsi: http://www.archeoge.liguria.beniculturali.it/index.php?it/149/

1 Commento

  1. Caro Sindaco perché non avete portato il Sovraintendente Massabò e l’Onorevole Vazio, tra l’altro albenganese a vedere in quali condizioni si trova il Fortino di Albenga con lo pseudo museo del mare? Un saluto

I commenti sono bloccati.