Savona: approvato in Giunta il Regolamento Comunale di Polizia Urbana e Carta Etica della Città

Savona. L’Assessore ai servizi alla Persona ha illustrato oggi, venerdì 11 Isabella Sorgini 01luglio 2014, il Regolamento Comunale di Polizia Urbana e Carta Etica della Città: presentato ed approvato ieri in Giunta, proseguirà ora il suo iter in Consiglio Comunale. Il documento individua, nel rispetto dei principi costituzionali e della legge, le norme e i comportamenti necessari per la serena e civile convivenza nella città di Savona, al fine di garantire la libertà di ciascuno nel rispetto di quella di tutti. In particolare, il Regolamento disciplina le disposizioni per tutelare la pubblica incolumità, per evitare danni o pregiudizi alle persone o alle cose, salvaguardare la tranquillità sociale e la sicurezza urbana, garantire la fruibilità e il corretto uso del suolo pubblico e dei beni comuni al fine di favorire e promuovere la qualità della vita.

Otto sono le materie oggetto delle norme del regolamento: Convivenza civile, igiene, rispetto per il prossimo e coesione sociale; vivibilità e pubblico decoro; tranquillità delle persone e pubblica quiete; ambiente, verde pubblico e privato; detenzione, custodia, alimentazione di animali; attività lavorative; sicurezza urbana e pubblica incolumità; sequestri e sanzioni.

Afferma l’Assessore ai Servizi alla persona Isabella Sorgini: “Ieri abbiamo deliberato in Giunta su questo regolamento che è il frutto di un lungo lavoro di condivisione con la conferenza dei capigruppo, articolo per articolo. Partiamo dunque da una condivisione di fondo nei principi e nella struttura generale, che proseguirà ora il suo iter in Consiglio”. Prosegue l’Assessore Sorgini: “Abbiamo rinnovato il vecchio regolamento esistente con una nuova filosofia: c’è una corresponsabilità tra cittadini e istituzioni per il bene della città, su tutta una serie di temi: solo per citarne alcuni, di vita quotidiana dei cittadini e dei rapporti di vicinato, di regolamento delle attività produttive, delle attività musicali e di intrattenimento, del verde pubblico e privato, senza dimenticare il tema degli animali ed in particolare dei cani che riguarda moltissimi cittadini, con circa 7000 cani censiti in città: tutto è volto non tanto a reprimere quanto a migliorare la cultura dello stare insieme”.

1 Commento

  1. E’ vietato far defecare i cani sui marciapiedi e anche se la raccogli ti fanno la multa lo stesso.
    Se il cane orina devi pulire e se lo fa vicino ad un portone e pulisci ti fanno lo stesso la multa.
    Se vuoi curare una colonia felnia devi prima censirla e segnalarla al comune, norma illegittima perché una legge regionale lo consente comunque.
    E’ vietato dare da mangiare a tutti gli animali su tutto il territorio comunale. Norma illegittima perché una legge regionale invece lo consente e proibisce di proibirlo.
    Nel frattempo avete ridotto le aree canine e di spiaggia paerta ai cani non se ne parla.
    Sorgini e Berruti siete vergognosi.
    Mario Nuzza, Ernesto Tripodi, Antonella Rossini, Samanta Parodi

I commenti sono bloccati.