Caso GSL Ospedale di Albenga, vicesindaco Tomatis: “ci attiveremo tempestivamente”

Sulla sospensione del rapporto tra l’Asl 2 savonese e la GSL – collocata ad Riccardo Tomatis 02Albenga nell’Ospedale Santa Maria di Misericordia – giustificata in una lettera dal direttore Generale Flavio Neirotti da un mancato finanziamento regionale, interviene il Vice Sindaco Riccardo Tomatis, assessore alla cultura e alla sanità che afferma: “Il comune di Albenga non ha competenza nella vicenda GSL, ma noi ci attiveremo tempestivamente, per comprendere le motivazioni dell’interruzione del rapporto economico tra ASL e GSl; ci attiveremo a tutti i livelli e faremo tutti i passi necessari per scongiurare la chiusura di un reparto di eccellenza, che fa da richiamo, non solo di pazienti extra regione, ma anche dall’estero ed ha ricadute positive sul nostro turismo”.

“Questa sera parteciperò alla Conferenza dei Sindaci, ed è l’occasione e anche l’opportunità per portare questa vicenda all’attenzione dell’ Asl. Per Albenga e per l’Ospedale di Albenga, GSL è una realtà importante che ha evitato la chiusura del Nosocomio e i timori e le preoccupazioni per la notizia ci spingono a muoverci in fretta per la risoluzione del problema”, conclude Tomatis.

Intanto oggi l’ass. regionale alla Sanità Montaldo ha cercato di gettare acqua sul fuoco: si è trattato solo di un “incidente burocratico”, i finanziamenti della partnership pubblico/privato sono stati contemplati, come prova una delibera di febbraio; “tutto l’equivoco si risolverà nei prossimio giorni”, ha assicurato.

3 Commenti

  1. Ci vuole del coraggio…a dichiarare certe cose…s epoi a dirle è il vice-sindaco non si tratta piu’ di coraggio. Mi disgustano queste affermazioni.

  2. Non vorrei pensare male, ma per caso esiste una clausola che in caso di mancato pagamento l’edificio passa di proprietà della GSL? Ho proprio questo dubbio …..

  3. Ma non srebbe ora di smettere di penalizzare siti che veramente importanti x i comuni litrofi strutture che si e’ speso fior di euro x edificarli perche’ erano necessari perche’ in cosi poco tempo si decide di abbandonarli anzi che potenziarli e produrre posti di lavoro? Bisogna battersi x questi finanziamenti non vengano sospesi e che questa struttura sfrutti le propri funzioni al cento x cento tutte i reparti possibili x un’territorio cosi vasto

I commenti sono bloccati.