Educazione alla legalità: la Polizia Locale di Albenga insegna ai bambini di Ceriale il rispetto delle regole

educazione legalità

Il Piano di Polizia Locale Vannucci/Montan, oltre all’aspetto repressivo legato in particolare alla lotta contro microcriminalità e il contrasto allo spaccio di stupefacenti portato avanti dall’Ufficio Sicurezza Urbana, “prevede anche un’importantissima attività preventiva di educazione alla legalità svolta con le scolaresche delle scuole di Albenga e di quelle dei comuni limitrofi in una più ampia ottica di valorizzazione del comprensorio ingauno”. 

Nella mattinata di oggi l’Ispettore Gianluca Dagnino – che nel progetto viene supportato anche dall’agente scelto Barbara Dell’Olio – ha tenuto una video lezione ai bambini delle elementari delle scuole di Ceriale. Durante l’incontro si è parlato del rispetto delle regole e si sono affrontati anche altri temi importanti quali il bullismo, il riciclo dei rifiuti e molto altro con una parte di lezione dedicata anche al tentativo di trasmettere ai bambini la capacità di “potersela cavare” in particolari situazioni di difficoltà (“Cosa faccio se….).

Gli alunni hanno avuto modo di imparare divertendosi attraverso quiz, giochi e cartoni animati realizzati dall’Ufficio Legalità della Polizia Locale di Albenga. Afferma l’Ispettore Dagnino: “Purtroppo la situazione attuale ci impedisce di presenziare direttamente nelle scuole a causa della pandemia Covid19, ma, grazie alla nostra dotazione informatica, siamo riusciti ad organizzare online alcuni momenti partecipativi con i bambini delle nostre scuole e ora con quelli delle scuole elementari di Ceriale. Il nostro obiettivo è quello di impartire ai bambini alcune piccole nozioni attraverso attività interattive e di gioco e siamo estremamente felici del riscontro positivo che stiamo continuando ad ottenere”.

L’assessore alla sicurezza Mauro Vannucci: “L’educazione alla legalità, fin dalla più tenera età, quale strumento educativo e di prevenzione è e resterà sempre, una delle nostre priorità. Questo progetto che si riferisce sopratutto ai nostri giovani non ha l’ambizione di eliminare il problema del disagio sociale di alcuni, ma sicuramente ha l’obiettivo di contenere e ridurre il più possibile detto fenomeno”. Per il sindaco Riccardo Tomatis “il tema del rispetto della legalità è importantissimo e, quando esiste, fa funzionare tutti gli aspetti del nostro vivere sociale. Le persone per bene non si comportano correttamente solo perché hanno paura delle sanzioni, ma perché credono fermamente che sia giusto farlo. Educare i ragazzi a ciò credo sia fondamentale”.