Un 8 marzo per dire no alla violenza sulle donne

Nella giornata internazionale sui diritti delle donne, Regione Liguria organizza un pool di eventi per favorire l’integrazione, la parità dei diritti e combattere le diseguaglianze sociali.

Regione Liguria - Ilaria Cavo in Sala Trasparenza

Un 8 marzo per dire no alla violenza sulle donne, sensibilizzare le ragazze a iscriversi alle facoltà scientifiche e dedicarsi alle materie STEAM (Scienza e Tecnologia) che permetteranno loro di trovare un lavoro con stipendi adeguati; sollecitarle anche a intraprendere quegli sport, tendenzialmente considerati maschili e prendere consapevolezza delle qualità artistiche e creative per esempio cantautorale. Nella giornata internazionale sui diritti delle donne, Regione Liguria organizza un pool di eventi per favorire l’integrazione, la parità dei diritti e combattere le diseguaglianze sociali.

Le iniziative prenderanno il via alle 10.30 nel chiostro dell’Abbazia di S. Giuliano, sede della Casa nazionale dei Cantautori in progettazione, con il flashmob #100donnevestitedirosso per dire no alla violenza, ricordare Clara Ceccarelli, la commerciante uccisa dal suo ex compagno con 100 coltellate. Un evento ideato e organizzato dall’ambasciatrice Unicef regionale Alessia Cotta Ramusino, con il coordinamento dell’assessorato alla cultura di Regione Liguria a cui prenderà parte il presidente di Regione liguri Giovanni Toti.
Seguirà, sempre nell’abbazia di S. Giuliano, una parte dedicata alla rassegna di cantautrici liguri “Note di donne” per celebrare la festa internazionale delle donne attraverso la musica delle cantautrici. Tra le esibizioni, quelle delle stessa Alessia Cotta Ramusino e di Giua. A dare il via alla rassegna l’assessore regionale alla Formazione e Cultura Ilaria Cavo che lancerà le video testimonianze di Grazie Di Michele, Rossana Casale e Mariella Nava, madrine dell’evento in cui presenteranno il loro videoclip “Anime di vetro”.
Alla manifestazione sarà presente l’assessore alle pari opportunità Simona Ferro.

Le iniziative proseguiranno alle 12.30 nella Sala della Trasparenza di Regione Liguria sempre alla presenza del presidente Giovanni Toti e degli assessori alla Cultura e alle Pari Opportunità Ilaria Cavo e Simona Ferro, con alcune donne di eccezione:; Silvia Salis, olimpionica ex lanciatrice del martello che sta portando avanti un progetto di sensibilizzazione nei confronti delle bambine dal titolo “Lo sport è un gioco da ragazze” sull’importanza di dedicarsi ad attività tendenzialmente appannaggio degli uomini per costruirsi un futuro senza limiti. Seguirà il video messaggio di Giulia Quintavalle, oro olimpico nel judo a Pechino 2008, di Margherita Granbassi, due bronzi olimpici nella scherma a Pechino 2008, di Letizia Paternoster, campionessa mondiale agli Europei juniores di ciclismo nel 2017. Alessandra Sciutti, ingegnere dell’IIT, l’Istituto Italiano di Tecnologia, testimonial di Barbie ingegnere robotico, porterà la testimonianza di un altro evento organizzato da Regione Liguria per la mattinata dell’8 marzo: un webinar per le studentesse della scuole di ogni ordine e grado (a cui si sono iscritti più di sessanta istituto per un totale di oltre mille studenti in tutta la regione) per sensibilizzare con donne ingegneri, ricercatrici, responsabili di risorse umane la grande opportunità di intraprendere percorsi formativi e professionali nelle materie scientifiche e tecniche. Storie di successo nel campo dell’ingegneria e dello sport, quelle che si ascolteranno in sala della trasparenza, per combattere stereotipi e pregiudizi. Verranno presentate le 12 fotografie vincitrici del concorso fotografico promosso da #Rumolredelsilenziowallofdolls che saranno collocate sul muro adiacente al palazzo di Regione Liguria: immagini realizzate dalle ragazze e dai ragazzi delle scuole superiori di Genova e della Liguria che hanno portato avanti un percorso di riflessione sull’identità femminile.

Si prosegue poi alle 15.30 in Via del Campo con la prosecuzione dell’evento Unicef e il flashmob degli uomini che si sono uniti al movimento di sensibilizzazione #100donnevestitedirosso per dire no alla violenza e diffondere la cultura del rispetto. E , a seguire, alle 17 in via del Campo29rosso, nello spazio dedicato alla canzone d’autore genovese, nel cuore del centro storico, cantato da Fabrizio De Andrè in una delle più celebri canzoni, dove sarà presente Rita Longordo, la bimba di 8 anni, vincitrice dell’ultima edizione dello Zecchino d’Oro e dove Manuela Arata presenterà in esclusiva la famosa bambola “Pigotta” vestita per l’occasione di jeans, in omaggio a Genova.


SU IBS SONO TORNATI I SALDI D'ESTATE!
Migliaia di prodotti in offerta! Centinaia di proposte per la casa, libri, film, musica, giochi, elettronica e hi-tech con sconto fino a -60%