Onzo, il Presepe degli sguardi

Tribaleglobale presepe sguardi

Onzo / Albenga | “Sono gli occhi a vedere? No, gli occhi sono strumento, e come diceva Saint-Exupéry, l’essenziale è invisibile agli occhi. Ma gli occhi parlano, sono lo specchio dell’anima e ci dicono chi siamo.”

È un principio, dice Giuliano Arnaldi, “che Tribaleglobale mette in pratica  da anni, esponendo insieme opera d’arte del nostro mondo e di quelli degli altri. Il Presepe che potete vedere è su questa lunghezza d’onda. Abbiamo messo insieme nello spazio della Biblioteca del MAP (il Museo nomade di Arti Primarie che a Onzo ha cuore e deposito) gli sguardi  della Madre e di suo Figlio, dipinti nel 1550 da un seguace di Cranach e quelli di alcune antiche maschere dei popoli Mumuye (Nigeria), Pende (R.d.C.) e Bassa (Liberia)  Tutti  evocano  la potenza dello sguardo. Uso l’espressione potenza perché lo sguardo profondo – quello alla Saint-Exupéry per intenderci – non  prevede necessariamente una rappresentazione  diretta della realtà per come si manifesta, ma per come essa agisce in noi evocando uno stato di coscienza. In realtà la funzione profonda non cambia: anche il realismo dell’arte occidentale funziona solo se evoca stati di coscienza, esattamente come l’alfabeto sintetico usato dai linguaggi artisti extraeuropei”.

Tribaleglobale presepe sguardi

“Ognuna di queste  maschere, come sempre accade nelle culture di tutto il mondo, come accade per la Natività cinquecentesca al centro in questo Presepe,  è creata per narrare una storia diversa ma organica alla grande narrazione dell’essere umano. Se vorrete conoscerne i dettagli visitate questa pagina: https://www.flickr.com/gp/tribaleglobale/6i6588 Ci preme oggi rendere evidente il fatto che questi oggetti vengono da lontano ma parlano  di sentimenti che ci appartengono, che riconosciamo grazie ad un misterioso linguaggio di forma, colore e materia che dà vita ed emozione al lavoro dei nostri neuroni/specchio, e ci rende in un lampo consapevoli di un Mistero più grande di noi, anche se fatto su misura per noi, per essere compreso da noi, per essere usato da noi ed aiutarci a capire e governare ciò che di  sorprendentemente misterioso ci accade. Soprattutto ora, soprattutto in questo Natale così impegnativo” conclude il direttore di Tribaleglobale Giuliano Arnaldi.