Loano, dal 2 novembre le richieste per l’occupazione di suolo pubblico solo online

Sarà sufficiente collegarsi al portale dell'Ente loanese tramite Pc, tablet o smartphone e seguire passo a passo la procedura automatizzata, evitando di recarsi presso gli uffici comunali

Comune Loano Municipio

Loano | A partire dal prossimo 2 novembre sarà possibile richiedere e ottenere i permessi di occupazione di suolo pubblico a Loano solo online. La vecchia procedura prevedeva che i cittadini scaricassero il modulo di richiesta dal sito istituzionale del Comune o si presentassero negli uffici per la compilazione in loco. La domanda doveva essere depositata presso l’ufficio protocollo o inviata via Pec allo stesso ufficio.

A partire dal 2 novembre la presentazione delle istanze potrà avvenire esclusivamente online: sarà sufficiente collegarsi al portale dell’Ente loanese tramite Pc, tablet o smartphone e seguire passo a passo la procedura automatizzata, evitando di recarsi presso gli uffici comunali. Una volta compilata, la domanda passerà al vaglio degli uffici competenti che si occuperanno di istruire la procedura on line per il rilascio dell’autorizzazione, che gli interessati potranno scaricare in autonomia. Pertanto i cittadini che avessero necessità di richiedere un’autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico, dal 2 novembre in poi sono invitati a non inoltrare le domande con la consueta formula.

Il sindaco di Loano Luigi Pignocca e l’assessore a politiche economiche finanziarie e programmazione economica e polizia locale Enrica Rocca notano: “Dopo quella per il rilascio dei permessi per la Ztl, ora anche la procedura relativa alle occupazioni di suolo pubblico passa al formato online. Con questa novità, la digitalizzazione dei procedimenti amministrativi del nostro Comune fa un ulteriore passo avanti. In questo modo non solo andiamo incontro alle esigenze di tutti quei cittadini che, per diversi motivi, non possono recarsi in municipio per l’espletamento di queste pratiche, ma riduciamo drasticamente le occasioni di assembramento negli uffici del comune”. Gli uffici restano a disposizione per i ragguagli tecnici che si rendessero necessari.