Sgravi dipendenti agricoltura, Cia Liguria: escluse le imprese familiari

Aldo Alberto: “Il secondo motivo di insoddisfazione riguarda la assoluta mancanza di selettività dell’intervento"

Aldo Alberto - Cia Liguria

Albenga / Roma | Critiche da Cia Liguria sullo sgravio dei contributi versati dai datori di lavoro agricolo per i propri dipendenti. Ed è una posizione molto critica.

“Con la scelta di intervenire solo sui costi della manodopera, si escludono tutte quelle imprese che per loro attività si avvalgono prevalentemente del nucleo familiare. Sono le aziende mediamente più piccole e comunque la stragrande maggioranza delle imprese agricole italiane e ancor più liguri” – afferma Aldo Alberto, presidente di Cia Liguria. 

“Il secondo motivo di insoddisfazione riguarda la assoluta mancanza di selettività dell’intervento. Le aziende  scontano impatti molto diversi a seconda del territorio e del settore:  slegare un intervento così massiccio da ogni criterio di selettività,  rischia di  lasciare senza sostegno adeguato molte imprese tutt’ora in grave difficoltà, vista anche la quantità di risorse disponibile. Auspichiamo che esita ancora la possibilità  di correggere questa impostazione, lavoreremo anche a livello nazionale affinché questo avvenga”.