Alassio, una piattaforma polifunzionale per il rilancio del Campo di Loreto

Presentato il progetto nell'ambito del bando "Rincontriamoci - sostegno agli spazi culturali civici e d'incontro del territorio"

Sagra di Alassio nel quartiere di Loreto

Alassio | Su idea dell’Assessorato allo Sport e il supporto dell’Assessorato alle Società Partecipate, la Gesco ha proposto un progetto per la riqualificazione del Campo Sportivo di Loreto. “Si tratta – spiegano dalla Gesco – della realizzazione di uno spazio polifunzionale, molto simile per tipologia, a quello già costruito nell’area attigua all’ingresso del Palazzetto dello Sport. Un progetto che ha come obiettivo, non solo la riqualificazione di un’area sportiva, ma anche e soprattutto un progetto per la realizzazione di un impianto destinato al coinvolgimento e l’aggregazione di atleti e non, di tutte le età”.

“Alassio ha uno straordinario vivaio sportivo – spiega Roberta Zucchinetti, consigliera incaricata allo Sport del Comune di Alassio – ma troppo spesso mancano i luoghi dove consentire la regolare pratica, gli allenamenti, ma anche più semplicemente l’opportunità di giocare con gli amici in sicurezza. Devo ringraziare Gesco per aver fatto proprio un mio sogno e aver cercato modi e mezzi per realizzarlo. Tra l’altro questo intervento andrebbe a completare quello già effettuato per la realizzazione del campo di calcio in sintetico e l’annesso locale adibito a bar.”.

Gesco infatti, ha recentemente presentato il progetto nelle more del Bando “Rincontriamoci – sostegno agli spazi culturali civici e d’incontro del territorio” di Fondazione San Paolo, proprio con l’intento di realizzare un vero e proprio centro di aggregazione civica. “L’esigenza dimostrata dal mondo giovanile – si legge nel progetto – è di ottenere spazi che possano coniugarsi con un’altra esigenza emersa dall’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ovvero spazi all’aperto di adeguate dimensioni e di facile accessibilità pedonale”. 

“L’intervento in animo – spiegano da Gesco – passa attraverso l’utilizzo di una ampia zona ora destinata a prato spontaneo, rigenerandola in uno spazio polivalente di circa 800 metri quadrati, senza strutture fisse, multidisciplinare sotto il profilo sportivo  ma che nel contempo possa essere anche una sorta di “agorà giovanile” di incontro, uno spazio dove ospitare piccoli concerti e rappresentazioni teatrali. Ciò mediante una piattaforma da destinare ad usi differenti, inserita in un contesto verde, libero e all’aperto, ideale per i ragazzi, che in uno spazio attiguo al bar esistente, potrebbero trovare il luogo ideale per la propria sede associativa”. Il bar che la Gesco ha attivato dalla scorsa primavera, sarà di supporto al progetto, assicurando un punto di ristoro per gli atleti, per i loro genitori  e per tutti gli altri eventuali fruitori. “E’ da subito stato un progetto condiviso da tutta l’Amministrazione e da Gesco- aggiunge Fabio Macheda, assessore alle Società Partecipate del Comune di Alassio – per realizzare il quale abbiamo cercato di intercettare finanziamenti specifici che la Compagnia San Paolo tradizionalmente destina a questo genere di progettualità. Il progetto è stato quindi presentato e confidiamo di avere a breve riscontro positivo per poter avviarne la realizzazione”.