Alassio: 461 le domande per i buoni spesa

Battaglia: "Oltre ai doppioni, alcune domande sono già risultate incomplete e dubbie. Stiamo provvedendo a contattare tutti quelli che hanno omesso di indicare i requisiti richiesti e quelli che, alla verifica dei dati segnalati, non corrispondono alle informazioni in nostro possesso"

Buoni spesa Comune Alassio - assessore Battaglia

Alassio | Doppioni e molte dichiarazioni incomplete; “Stiamo correndo contro il tempo per stilare le graduatorie – per chi già percepisce e per chi non riceve sussidi statali – vorremmo erogare prima di Pasqua ma non so se riusciremo”. Alla mezzanotte del 7 aprile, termine ultimo per presentarle, erano 461 le domande di buoni spesa pervenute al Servizio Politiche Sociali del Comune di Alassio e protocollate.

“Ma da una prima verifica abbiamo riscontrato come alcune domande, forse per il timore che non venissero prese in esame, sono state mandate più volte e con differenti supporti: email, whatsapp, cartaceo” spiega Giacomo Battaglia, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Alassio. Tutti gli impiegati e le Assistenti Sociali coordinate dalla funzionaria Ivana Sirtori, stanno esaminando le pratiche: “una vera corsa contro il tempo – aggiunge Battaglia – perché ci piacerebbe erogare i buoni prima delle festività pasquali, ma sarà davvero arduo, stante, appunto il numero inaspettatamente elevato delle pratiche pervenute. Oltre ai doppioni, alcune domande sono già risultate incomplete e dubbie. Stiamo provvedendo a contattare tutti quelli che hanno omesso di indicare i requisiti richiesti e quelli che, alla verifica dei dati segnalati, non corrispondono alle informazioni in nostro possesso”

“Sulla base delle determina dirigenziale n.172 del 7 aprile – spiegano dagli uffici comunali – stileremo due graduatorie: la prima per coloro che non percepiscono entrate e sostegni pubblici, la seconda per chi invece già percepisce sussidi (es. reddito di cittadinanza, disoccupazione, cassa integrazione…) I parametri saranno la presenza di minori nel nucleo famigliare, il nucleo in affitto e il saldo sul conto corrente. Per chi già percepisce delle entrate di vario tipo, ovviamente, interverrà anche l’entrata pro capite dei componenti la famiglia”.

Come detto stiamo lavorando contro il tempo e non è detto si riesca a concludere l’iter prima della Pasqua – conclude Battaglia – siamo consapevoli dell’emergenza in cui versano talune famiglie e sarà in ogni caso nostra cura contattare tutti gli aventi diritto per richiedere i chiarimenti del caso e per comunicare se, come e quando ritirare i buoni spesa. Pertanto si invita a non intasare i centralini comunali né quello dei Servizi Sociali che al momento non sono ancora in grado di comunicare alcunché. Prevediamo comunque di iniziare la consegna dei buoni subito dopo Pasqua, così da rispondere alle necessità delle famiglie che ne hanno diritto”.

Nel frattempo è scaduto anche l’avviso per gli esercenti che hanno dichiarato la propria disponibilità a ritirare i buoni. Gli esercizi commerciali dove sarà possibile spendere i buoni sono ritrovabili nell’elenco pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Alassio (www.comune.alassio.sv.it) e sono i seguenti:

Alassio FruttaCorso Dante, 40/42
CanepaVia XX Settembre, 123
EurospinVia Gastaldi, 8
GenepescaVia Leonardo da Vinci, 173
Il FornaioVia XX Settembre, 27
La PiazzettaCorso Dante, 219
La Vecchia FattoriaCorso Dante, 62
Macelleria Antichi SaporiVia L. da Vinci, 10
Nonni e BimbiVia P. Ferreri, 31
Ok MarketVia Neghelli, 37​