Turismo Liguria, giunta regionale approva bando da 500 mila euro per piccoli comuni ed entroterra

Il bando si propone di finanziare aree e percorsi pedonali, giardini e parchi urbani, percorsi ciclabili ed escursionistici

Gianni Berrino

Genova | La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al turismo Gianni Berrino, ha approvato un bando da 500 mila euro a favore dei comuni con popolazione inferiore a 5 mila abitanti o il cui territorio sia totalmente ubicato nell’entroterra, per la riqualificazione di aree e percorsi pedonali, di giardini e parchi urbani e di percorsi ciclabili ed escursionistici.

RobertoMichels

Le domande di partecipazione al bando, il cui contributo è finanziato dal Fondo Strategico Regionale, dovranno essere inviate a partire dal 23 marzo 2020 ed entro e non oltre il  6 maggio 2020. “Si tratta di un contributo importante per comuni che rischiano di restare fuori dai circuiti turistici e che con questo bando aiutiamo a valorizzare perché vogliamo che la Liguria sia attrattiva in ogni dove: dalla costa all’entroterra e dai grandi centri alle piccole realtà”, afferma l’assessore Berrino. 

Il bando è riservato ai comuni che sono iscritti nell’elenco degli aderenti al patto per lo sviluppo strategico del turismo al momento della presentazione della domanda; hanno una popolazione inferiore ai 5 mila abitanti al 31 dicembre 2018 o il cui territorio è totalmente ubicato nell’entroterra. Il bando, come detto, si propone di finanziare:

1) Aree e percorsi pedonali: riqualificazione di aree e di percorsi comunali ad uso prevalentemente pedonale di particolare interesse storico-culturale, ambientale o paesaggistico che caratterizzano anche turisticamente il territorio ligure: gli interventi oggetto del contributo devono prevalentemente riguardare la realizzazione o il mantenimento della agibilità delle tipiche “creuze” con pavimentazioni a ciottoli (“risseu”) e trottatoi in mattoni o solo in pietra; riqualificazione delle passeggiate a mare e dei centri storici mediante l’utilizzo di materiali tradizionali ivi compreso eventuale arredo urbano pertinenziale con preferenza per l’utilizzo di materiali eco-sostenibili.

2) Giardini e parchi urbani: manutenzione straordinaria o realizzazione di aree verdi collocate all’interno del sito di intervento o nelle immediate vicinanze (i contributi sono destinati a realizzare ed attrezzare percorsi a tema ad uso ricreativo e turistico, mediante il ripristino di elementi di caratterizzazione tradizionale compresa la manutenzione straordinaria e/o la creazione di percorsi natura, aree attrezzate per la sosta, relax e pic-nic nonché aree utilizzabili per manifestazioni e/o iniziative pubbliche transitorie, con eventuale installazione di bacheche e arredi vari); strutture e giochi per bambini; riqualificazione del verde e dei manufatti al fine di mantenere e/o rafforzare l’identità e la riconoscibilità turistica dei luoghi nell’ambito del più esteso sistema dei percorsi regionali;

3) Percorsi ciclabili ed escursionistici: ripristino di tratti, danneggiati da eventi quali alluvioni o frane, di piste ciclabili o ciclopedonali facenti parte della rete ciclabile ligure (RCL); completamento di itinerari ciclabili o ciclopedonali facenti parte della suddetta RCL al fine di eliminare interferenze con la viabilità ordinaria e garantire la massima sicurezza dei ciclisti; creazione di idonee aree attrezzate per la sosta dei ciclisti o velostazioni/ciclostazioni  nonché  arredi e dotazioni per il parcheggio delle bici, situati presso o nelle immediate vicinanze di percorsi ciclabili facenti parte della RCL; manutenzione straordinaria di percorsi escursionistici rientranti nella Rete Escursionistica Ligure (REL) “Rete di fruizione escursionistica della Liguria” e/o individuazione e realizzazione di percorsi escursionistici di collegamento con i principali itinerari regionali (Alta Via dei Monti Liguri e Sentiero Liguria).

Ultima revisione articolo:

ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO