Liguria, gestione emergenza coronavirus: in Regione incontro fra giunta e capigruppo

gioielli collezione offerta
Coronavirus

Savona / Genova | In Regione Liguria Ufficio di presidenza integrato aperto a tutti i consiglieri regionali: questo pomeriggio, incontro fra giunta e capigruppo per affrontare la gestione del Coronavirus, anche alla luce del primo caso riscontrato oggi ad Alassio.

«Come Linea Condivisa abbiamo sottolineato la necessità di tutelare le lavoratrici e i lavoratori, sia pubblici sia privati, nella difficile contingenza di questi giorni. Abbiamo chiesto che Toti rappresenti in conferenza Stato/Regioni questo tema, e le conseguenze che da esso discendono. Sarebbe necessario affrontare al più presto l’opzione di istituire ammortizzatori sociali straordinari, in caso di fermi lavorativi delle aziende a causa dell’emergenza in corso – dichiara il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino, al termine della riunione -. Al contempo, riteniamo necessarie forme di giustificazione per assenze dovute all’impossibilità di arrivare sul luogo di lavoro. E quindi incentivare il telelavoro, lo smart working e altre forme di lavoro flessibile da casa». «In caso di chiusura prolungata delle scuole, abbiamo proposto di utilizzare strumenti di e-learning ove possibile, per assicurare un livello standard di continuità formativa ai nostri ragazzi – conclude Pastorino -. È necessario che la giunta Toti fornisca a tutte le famiglie e ai lavoratori gli strumenti indispensabili per affrontare questa situazione».

Il consigliere Andrea Melis (M5S): “Tra le misure urgenti di contenimento del contagio Covid-19 enunciate nel decreto-legge del Presidente del Consiglio dei Ministri si legge, al punto d dell’Articolo 1, che sono state adottate le seguenti ulteriori misure di contenimento: ‘i dirigenti scolastici delle scuole nelle quali l’attività didattica sia stata sospesa per l’emergenza sanitaria, possono attivare, di concerto con gli organi collegiali competenti e per la durata della sospensione, modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità’. Su questo specifico punto, ho ritenuto doveroso attenzionare il presidente della Giunta: qualora l’emergenza dovesse protrarsi, è una possibilità che potrebbe rivelarsi preziosa per evitare che i nostri ragazzi rimangano indietro con il programma scolastico”, fa sapere.

Il Gruppo del Partito Democratico “ha avanzato tre proposte”: “Abbiamo chiesto e ottenuto che l’Ufficio di presidenza integrato diventi l’organo consultivo permanente all’interno del quale discutere eventuali modifiche e aggiornamenti all’ordinanza, che scade il primo marzo prossimo. In sostanza l’Upi diventa la sede di consultazione preventiva per gli interventi che la Regione deciderà di mettere in atto. Poi abbiamo sollevato due questioni di merito che, a nostro avviso necessitano di grande attenzione. Da una parte serve un potenziamento dei Dpi (Dispositivi di protezione individuale) per gli operatori sanitari e in particolar modo per i medici di base e per chi opera nel sistema dell’emergenza/urgenza. Si tratta di onorare precise disposizioni nazionali e un elementare principio di precauzione. Dall’altra abbiamo chiesto di procedere alla valutazione e poi alla determinazione di un piano di assunzioni straordinarie, per far fronte ai maggiori carichi di lavoro destinati a gravare sul sistema sanitario regionale per far fronte a quest’emergenza”.

“Il terzo punto sollevato da Pd riguarda le misure economiche, un argomento che va affrontato d’intesa con il Governo in sede di Conferenza delle Regioni. L’emergenza Coronavirus sta avendo implicazioni pesantissime su molti settori della nostra economia, dai settori dei trasporti e della logistica a tutto il sistema dei servizi, a partire dal commercio: una situazione che va affrontata non solo a livello nazionale, ma anche a livello locale con atti propri della Regione. Crediamo si debbano individuare degli ammortizzatori sociali straordinari in deroga per tutte le aziende e le imprese che ne avranno bisogno. Pensiamo sia importante ragionare concretamente sulla possibilità di sospendere il pagamento di tasse, imposte e tributi nelle zone interessate da questo fenomeno. Infine bisogna individuare le risorse per costituire, con finanziamenti nazionali, regionali ed europei, un fondo di garanzia per agevolare l’accesso al credito delle imprese e dei soggetti economici in difficoltà” concludono i consiglieri del Pd.