Milleproroghe, Confagricoltura Liguria soddisfatta per rinnovo “bonus verde”

Luca De Michelis

Savona / Roma | “Il Milleproroghe ha anche confermato il ‘bonus verde’, come avevamo sollecitato – ha commentato a caldo dopo l’approvazione di ieri il presidente ligure di Confagricoltura, Luca De Michelis -. Era importante dare continuità a uno strumento da noi fortemente voluto, che comunque riteniamo potrà essere ulteriormente migliorato”.

“Attualmente con il bonus – ricorda De Michelis – è prevista un’apposita detrazione ai fini IRPEF nella misura del 36% delle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree scoperte private e condominiali di edifici esistenti, di unità immobiliari, pertinenze o recinzioni (giardini, terrazze), per la realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili. La detrazione spetta a condizione che i pagamenti siano effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni (bonifici ‘parlanti’, ecc.)”. “Siamo soddisfatti – prosegue il presidente ligure di Confagricoltura – per la conferma anche per il 2020 degli incentivi agli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas, con potenza elettrica non superiore a 300 kW e facenti parte del ciclo produttivo di un’impresa agricola e di allevamento. Portiamo a casa un nostro grande risultato, che sottolinea l’importanza strategica delle bioenergie, un modello di sviluppo che mette al centro la sostenibilità, l’economia circolare e l’innovazione tecnologica. In Italia si contano quasi 2 mila impianti e più di 12 mila occupati”.

“È stata accolta pure la nostra richiesta di prorogare di un anno l’esenzione della certificazione antimafia – ha proseguito il presidente De Michelis -. Bisogna attrezzarsi a dovere per un obbligo che interessa circa un milione di agricoltori beneficiari dei fondi europei”. “Grazie all’azione di Confagricoltura è stato prorogato il passaggio al nuovo sistema di denuncia contributiva mensile all’INPS per le giornate di lavoro svolte dagli operai agricoli (Uniemens agricolo). La proroga si è resa necessaria per le difficoltà procedurali connesse al nuovo sistema. Però in tre mesi non si risolvono problemi molto complessi”. “Non dimentichiamo – ha concluso il presidente ligure di Confagricoltura – che questi importanti risultati da noi ottenuti, seguono all’importantissimo ottenimento in Legge di Bilancio della applicazione del credito di imposta fino al 40 % per tutte le imprese agricole che investono in innovazione, macchinari e miglioramento di processo produttivo, con anche la possibilità di cumulo di questo incentivo con altre forme di sostegno all’agricoltura ed ai suoi investimenti”.