Ambrosetti Savona, Toti: “logistica ligure è logistica del nostro paese, un tema nazionale”

Vado Gateway

Savona | Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti è intervenuto oggi al Tavolo di lavoro della Provincia di Savona, tappa locale di avvicinamento al forum Ambrosetti “Liguria2022”, la piattaforma di discussione e confronto tra stakeholder pubblici e privati per il rilancio e del modello di sviluppo del territorio, in programma a Genova il 31 marzo prossimo. “La logistica italiana – ha affermato Toti – coincide con la logistica ligure. L’agenda di Confindustria, sindacati e associazioni sul tema a livello nazionale deve coincidere con l’agenda ligure. I nostri porti sono la base di appoggio per l’import/export di Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte, la gran parte quindi del PIL nazionale. La logistica ligure è quindi un tema nazionale. Il problema, vero, è di tipo infrastrutturale, perché mancano risposte da Roma: è intollerabile che non solo non ci siano risposte, ma che addirittura non ci sia un tavolo unitario da parte del Governo. La soluzione, ancora una volta, sarebbe quella dell’autonomia delle regioni: non vedo perché il porto di Savona e quello di Genova debbano essere gestiti a Roma, dovremmo avere la possibilità di decidere”.

RobertoMichels

“Dal punto di vista della tutela del territorio – prosegue Toti – Regione Liguria sta lavorando con la massima efficacia. Dopo la prima tranche di 110 milioni di fondi di Protezione civile legati alla mareggiata di ottobre 2018, che sono serviti per intervenire sui danni ai Comuni, con la seconda tranche da circa 120 milioni, andranno per interventi di riduzione del rischio residuo strutturale. È cominciato un percorso che mira a effettuare opere con l’obiettivo che i danni del futuro siano sempre meno impattanti”.

“Dal punto di vista economico, è necessario guardare la realtà territoriale della Liguria in modo oggettivo, per avere un quadro nitido e chiaro della situazione che aiuti a prendere decisioni di ampio respiro per costruire un modello unico e integrato di sviluppo – aggiunge Toti – La Provincia di Savona ha dalla sua una serie di elementi molto importanti per l’economia nazionale, a partire appunto dalla logistica, ma anche dal turismo, senza dimenticare il settore industriale, ad esempio sul piano della ricerca e su quello militare, che resta un dato positivo in un’area di crisi complessa che stiamo cercando di rimettere in moto. I segnali dal punto di vista logistico e portuale a Savona sono assolutamente incoraggianti: abbiamo da poco inaugurato la nuova piattaforma di Vado, l’investimento più grande del nord del Mediterraneo in questo settore negli ultimi anni. È ovviamente interesse di tutti che cresca a pieno regime, ma la crescita delle assunzioni e delle movimentazioni, assieme all’arrivo dell’ammiraglia di Costa, è segnale che la piattaforma logistica savonese è vitale e presente sul mercato in modo stabile”.
“Sul turismo – conclude Toti  – la Provincia di Savona è ai vertici in Liguria anche grazie alla capacità di diversificare, ad esempio puntando sul tema dell’outdoor e quindi sulla destagionalizzazione. Qui, anche grazie al sostegno di Regione Liguria, si è più avanti che altrove”.

Ultima revisione articolo: